Cantiere per la pace Lunigiana

Home
Riconversione e disarmo, quelle parole espulse dal dibattito italico PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessio Di Florio   
Lunedì 16 Settembre 2019 15:14

Gli F35, programma aeronautico internazionale che coinvolge (con tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi lustri) la Difesa italiana, sono al centro da anni di critiche e contestazioni. In occasione delle elezioni politiche del 2013 ci fu la corsa dei partiti a proclamare che l’avrebbero ridimensionato. O addirittura cancellato. In tempi di campagna elettorale purtroppo da sempre l’italiano è abituato ad ogni sorta di promessa che viene poi, puntualmente, cancellata.

Leggi tutto...
 
La terza espansione dello Zapatismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Raúl Zibechi   
Giovedì 05 Settembre 2019 19:49

Malgrado siano circondati dall’Esercito messicano, le basi di appoggio dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) sono riuscite a rompere l’accerchiamento militare, mediatico e politico che gravava sopra di loro. In un comunicato del 17 agosto, firmato dal subcomandante Moisés, indigeno divenuto il portavoce del movimento zapatista dopo la ‘morte’ simbolica di Marcos, dalle montagne del sud-est messicano viene annunziata la creazione di sette nuovi caracoles (vedi sotto) e quattro municipi autonomi, che si chiameranno da ora in avanti «centri di resistenza autonoma e ribellione zapatista».

Leggi tutto...
 
Il balordo, il nuovo governo, l'euroatlantismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Umberto Franchi   
Sabato 14 Settembre 2019 20:09

Uno spaesato piccione lombardo , aveva la pretesa di andare a rapide elezioni in autunno, ed ottenere i pieni poteri forte dei sondaggi elettoralistici ed affollati comizi balneari sulle spiagge di Milano Marittima… Da buon cialtrone si riprometteva di formare presto un governo di estrema destra andando a nominare anche il prossimo residente della repubblica ed il CSM.

Leggi tutto...
 
Di fronte alla guerra, di nuovo e con fermezza diciamo: Non in nostro nome! ... e proponiamo un cammino condiviso PDF Stampa E-mail
Scritto da Non in nostro nome, Poeblosemcamino.org   
Giovedì 05 Settembre 2019 19:45

1. Comprendiamo, riconosciamo come certe e valide le ragioni, i fatti e gli argomenti che vi costringono a pronunciarvi di fronte alle inadempienze e al tradimento dell’accordo di pace con le FARC-EP da parte del governo e dello Stato colombiano.

Leggi tutto...
 
Appello: La Casa di Accoglienza di via Godola ha bisogno di volontari per riaprire PDF Stampa E-mail
Scritto da AVAA, Associazione Volontari Ascolto Accoglienza (AVAA)   
Sabato 14 Settembre 2019 18:49

Dopo la pausa estiva, ci avviamo a riaprire la Casa di Accoglienza, anche se quest'anno la data di riapertura è quanto mai incerta.

La Casa di Accoglienza offre, a chi vive per strada - a prescindere dalla nazionalità, dalla fede religiosa e dal genere - la possibilità di un breve ristoro: un letto, una doccia, una tavola, una mano tesa, un incontro con persone non ostili.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
« InizioPrec.12Succ.Fine »

Pagina 1 di 2

News

Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Leggi


Amazzonia

«Bruciare l’Amazzonia è un crimine contro l’umanità» (Redazione Volere la luna)

Leggi


Prospettiva di genere

Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso (Daniela Cardamone)

Leggi


Kurdistan

La repressione del popolo curdo. Una lettera aperta (Ahmet Türk, Selçuk Mizrakli, Bedia Özgökçe Ertan)

Leggi


Libri

«Una ferita italiana» di Lisa Camillo (Carlo Brini )

Leggi


Articoli recenti

Lo sappiamo?

LO SAPPIAMO?

che il 21 settembre è Giornata Internazionale della Pace

che il 26 settembre è Giornata internazionale per l’eliminazione totale delle armi nucleari

Cosa risponderemmo se qualcuno ci chiedesse quante persone sanno che nel calendario del mese di settembre c’è una data dedicata alla pace e una data dedicata all’eliminazione di tutte le armi nucleari?

Noi abbiamo l’impressione che siano pochi a saperlo, perché i canali dell’informazione e della comunicazione di massa non ne parlano.

Il silenzio dei media rafforza il dovere della Tavola della Pace di fare la propria parte, informando e provocando la riflessione, poiché il nostro tempo continua ad essere funestato da violenze, da stragi terroristiche, da guerre e da incidenti nucleari circondati dal segreto.

Citiamo qui sommariamente alcuni fatti che dimostrano l’importanza delle due giornate sopra richiamate per il recupero della consapevolezza popolare sui pericoli che incombono, oggi stesso e ogni giorno che passa, sul destino dell’umanità.

LE GUERRE IN ATTO E QUELLE INCOMBENTI:

IL MEDIO OPRIENTE E L’AREA DEL GOLFO PERSICO continuano ad essere il cratere di ogni genere di violenza e i luoghi di partenza per ulteriori allargamenti delle guerre in atto.

Gli attacchi alle navi petroliere delle scorse settimane e il colpo con droni e missili inferto cinque giorni fa alle installazioni petrolifere saudite hanno tutte le caratteristiche propedeutiche a provocare il classico “casus belli”, che potrebbe innescare azioni di guerra dirette fra Arabia Saudita, Israele e Stati Uniti da una parte e l’Iran dall’altra parte. Le agenzie di stampa che seguono queste vicende si stanno esercitando nelle previsioni che una simile evoluzione provocherebbe sul mercato del petrolio e sull’economia mondiale, ma non si fanno molta premura di paventare l’ecatombe di vittime umane che ne seguirebbe.

ARMI NUCLEARI

Abbiamo già scritto, prima della pausa estiva, circa la nuova corsa agli armamenti, con particolare riferimento alle armi nucleari e ai missili di media e lunga gittata in grado di portare bombe nucleari. Soltanto l’idea che qualcuno possa pensare di poter mettere in atto o provocare una guerra nucleare, che può causare l’estinzione della vita sulla faccia della Terra, provoca nella mente umana uno smarrimento insostenibile, tale per cui, per molti, diventa necessario e automatico non pensarci.

Nessun Governo, nessun Capo di stato si è stracciato le vesti quando, lo scorso mese di febbraio, il segretario di Stato Mike Pompeo e il presidente americano Donald Trump hanno annunciato al mondo l’abbandono del trattato INF(Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty). (Il trattato INF venne siglato a Washington l'8 dicembre 1987 da Ronald Reagan e Michail Gorbačëv, a seguito del vertice di Reykjavík (11 ottobre 1986) tenutosi tra i due Capi di Stato di USA e URSS).

La stessa indifferenza nei governi del mondo si è registrata quando il Presidente russo Vladimir Putin ha replicato dicendo che la Russia avrebbe fatto altrettanto.

Poche settimane dopo, però, si sono verificati due gravi fatti concreti, che hanno suscitato articoli di stampa allarmati:

18 agosto 2019: Incidente nucleare in Russia, incubo Chernobyl: l’incidente ha causato 7 morti e 15 feriti. Nel raggio di 25 Km la contaminazione ha raggiunto livelli 16 volte il fondo di radioattività naturale.

20 agosto 2019: primo test missilistico Usa a medio raggio, dopo la rottura del Trattato con la Russia sulle Forze nucleari a raggio intermedio (Inf)

Di fronte a questi fatti si rafforza in tutti coloro che voglio la pace la determinazione nel chiedere che diventi obbligatorio per tutti gli Stati il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari approvato il 7 luglio 2017 dall’Assemblea Generale dell’ONU.

La campagna “Italia ripensaci”: Per i motivi suddetti, dopo la pausa agostana abbiamo ripreso con decisione la promozione della campagna nazionale, con la quale chiediamo anche ai Consigli Comunali del nostro territorio di approvare la mozione rivolta al governo in carica di attivare la procedura per l’adesione dell’Italia al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari. Ed ora già 8 Consigli Comunali hanno approvato la mozione senza neppure un voto contrario. Ciò dimostra che il destino dell’umanità non è il problema di una o di altra parte politica, ma riguarda tutti indistintamente.

E, a questo punto, per non allungare troppo il testo di questo messaggio, vi trasmettiamo qui di seguito il link, tramite il quale potete leggere e scaricare una bella brochure molto ben fatta sul nuovo trattato ONU e sulla storia che lo ha preceduto: Basta cliccare sul link, perché, essendo un file di immagini molto pesante non sarebbe stato possibile trasmetterlo in allegato.

https://onedrive.live.com/?authkey=%21AlK7oHyGC4r4uXU&cid=7F18C0C25C340436&id=7F18C0C25C340436%212212&parId=root&o=OneUp

Inoltre, trasmettiamo in allegato (perché più leggeri) i seguenti documenti, che ciascuna/o di voi potrà scaricare facilmente e leggere con calma per avere informazioni più complete sugli argomenti sopra richiamati.

21 SETTEMBRE dal sito web di Idee Green

21 SETTEMBRE la scuola porti esempi di giustizia

21 SETTEMBRE lettera invito del Sindaco di Stazzema

26 SETTEMBRE giornata internazionale per l’eliminazione totale delle armi nucleari

26 SETTEMBRE lettera ANCI – CROCE ROSSA ai Sindaci dei Comuni d’Italia

Un caro saluto

il Comitato Esecutivo della

Tavola della Pace e della Cooperazione Onlus

Via Brigate Partigiane, 4 56025 Pontedera (PI)

tel. 0587-299505/6 fax:0587/292771

C.F. : 90041310500

IBAN: IT45G0623071130000056996127

E-Mail: tavolapace_pevera@hotmail.com

PEC: tavolapace_pevera@pec.it

sito web: www.cooperareperlapace.it

profilo face book: Tavola Pace E Cooperazione

Readmore..

Ministro della Pace

Una delle tante lezioni da trarre dalle guerre recenti, mi sembra questa: come ogni stato ha i suoi ambasciatori, oltre le spie, così dovrebbe avere un "avvocato dell'avversario", col compito di cercare, ascoltare, sostenere, nei conflitti acuti, le ragioni dell'avversario. Oltre il ministro della difesa (che pensa ancora la difesa soltanto in termini armati, militari), ci vuole il ministro della pace. Era questa la proposta di Aldo Capitini nel marzo 1948 (Cfr Aldo Capitini, Elementi di un’esperienza religiosa, Cappelli, Bologna 1990, pp. 15-16 e Fabrizio Truini, Aldo Capitini, Edizioni Cultura della Pace, Fiesole 1989, p. 102) e il suggerimento di Tullio Vinay nel febbraio 1977 (Cfr T. Vinay, L'utopia del mondo nuovo. Scritti e discorsi al Senato, Claudiana, Torino 1984, p. 285). Un tale ministro sarebbe incaricato di tenere aperta, e riaprire sempre, la ricerca dialettica e autocritica della verità e giustizia nelle controversie, con esclusione delle soluzioni violente, come impongono l'art. 11 della Costituzione e la Carta dell'Onu.

Readmore..

Buon compleanno "La 31 settembre": "Il lavoro al tempo dei cambiamenti climatici"

Nati tra la cura per la giustizia sociale, l'ambiente in cui viviamo, la premura per i diritti civili di tutte/i e il faceto, il trasgressivo sense of humor verso il potere, sbocciati in un'agrodolce serata settembrina, domenica 29 Settembre, presso il Museo della Resistenza, di Piazzale Partigiani (ex Cat) "La 31 Settembre" festeggia il suo primo compleanno.

Readmore..

Dare il nome alle cose: si tratta di fascismo

I due passaggi parlamentari in cui si è sancita la caduta di Salvini, minoranza nel Parlamento e nel Paese, e si è formato il nuovo governo di salute pubblica, sono stati contraddistinti da una straordinaria passionalità e inusitata violenza. I giovani dicono che mai avevano visto una cosa simile al Senato e alla Camera, i vecchi invece l'avevano vista nei primi anni della Repubblica quando De Gasperi e Truman, elargitore del piano Marshall per rimettere in piedi l'Italia, espulsero i comunisti dal governo e cominciò il grande scontro che aveva per posta una scelta di campo (tra Est e Ovest) e di sistema (tra capitalismo e comunismo).

Readmore..

Gli USA e la contesa globale: dalle armi economiche alle armi belliche

La contesa per la spartizione dei mercati, sta arrivando alla guerra? Oppure si limita alla concorrenza industriale e finanziaria, ed alla politica commerciale?

Una cosa è certa, l’imperialismo globale non ha alcuna possibilità di garantire il proprio equilibrio sulla natura “dell’ordine del ciclo bellico”… l’ideologia liberale è anche un fenomeno economico dove l’imperialismo significa essenzialmente conquista o ripartizione dei mercati, che avviene tramite la supremazia negli scambi commerciali e l’esportazione dei capitai da parte dei Potenti, gli interventi sulle politiche monetarie da parte delle banche centrali come quella europea fatta da Draghi con il “bazooka” (sul taglio dei tassi e acquisto de titoli…20 miliardi al mese alle banche, dimostra che la “lotta” tra le diverse potenze , può essere esercitata con mezzi pacifici , monetari e diplomatici, ma anche attraverso la politica di potenza bellica militare.

Readmore..

Riconversione e disarmo, quelle parole espulse dal dibattito italico

Gli F35, programma aeronautico internazionale che coinvolge (con tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi lustri) la Difesa italiana, sono al centro da anni di critiche e contestazioni. In occasione delle elezioni politiche del 2013 ci fu la corsa dei partiti a proclamare che l’avrebbero ridimensionato. O addirittura cancellato. In tempi di campagna elettorale purtroppo da sempre l’italiano è abituato ad ogni sorta di promessa che viene poi, puntualmente, cancellata.

Readmore..

Il balordo, il nuovo governo, l'euroatlantismo

Uno spaesato piccione lombardo , aveva la pretesa di andare a rapide elezioni in autunno, ed ottenere i pieni poteri forte dei sondaggi elettoralistici ed affollati comizi balneari sulle spiagge di Milano Marittima… Da buon cialtrone si riprometteva di formare presto un governo di estrema destra andando a nominare anche il prossimo residente della repubblica ed il CSM.

Readmore..

Appello: La Casa di Accoglienza di via Godola ha bisogno di volontari per riaprire

Dopo la pausa estiva, ci avviamo a riaprire la Casa di Accoglienza, anche se quest'anno la data di riapertura è quanto mai incerta.

La Casa di Accoglienza offre, a chi vive per strada - a prescindere dalla nazionalità, dalla fede religiosa e dal genere - la possibilità di un breve ristoro: un letto, una doccia, una tavola, una mano tesa, un incontro con persone non ostili.

Readmore..

La terza espansione dello Zapatismo

Malgrado siano circondati dall’Esercito messicano, le basi di appoggio dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) sono riuscite a rompere l’accerchiamento militare, mediatico e politico che gravava sopra di loro. In un comunicato del 17 agosto, firmato dal subcomandante Moisés, indigeno divenuto il portavoce del movimento zapatista dopo la ‘morte’ simbolica di Marcos, dalle montagne del sud-est messicano viene annunziata la creazione di sette nuovi caracoles (vedi sotto) e quattro municipi autonomi, che si chiameranno da ora in avanti «centri di resistenza autonoma e ribellione zapatista».

Readmore..

Di fronte alla guerra, di nuovo e con fermezza diciamo: Non in nostro nome! ... e proponiamo un cammino condiviso

1. Comprendiamo, riconosciamo come certe e valide le ragioni, i fatti e gli argomenti che vi costringono a pronunciarvi di fronte alle inadempienze e al tradimento dell’accordo di pace con le FARC-EP da parte del governo e dello Stato colombiano.

Readmore..

Un miracolo dell'Antifascismo

E' una giornata di grazia quella in cui il governo italiano, nascendo da un nuovo giuramento, cessa di essere l’istituzione che sbandierava “politiche crudeli” che stavano “avvelenando e incattivendo la società, seminando la paura e l’odio per i diversi, logorando i legami sociali e fascistizzando il senso comune”, come diceva Ferrajoli il 6 aprile scorso a Roma; è una giornata felice quella in cui il governo cessa di essere l’officina in cui si cambiava “l’idea di giustizia avvicinandola sempre più all’idea di vendetta” e si elaborava “una nuova politica penale autoritaria che enfatizza le esigenze di ordine e sicurezza e torna ad investire sulla repressione massima come strumento di governo della società e di esclusione di soggetti marginali all’insegna di un’antropologia razzista della diseguaglianza”, come diceva nella stessa occasione Mariarosaria Guglielmi.

Readmore..

"L'obbedianza non è più una virtù", spettacolo di e con Irene Baruffetti e Paolo Marynski Puntoni

Quando le parole acquistano peso e si pesano in una lotta infinita tra obbedienza e coscienza, adesione e ribellione, superficialità e ragionamento;

Quando trovi conferme sul ruolo dell'educatore come colui che approfondisce, indaga con i suoi alunni, sviscera la questione del giorno, insinua il dubbio, stimola il senso critico, dona passione;

Readmore..

Quale nuovo governo?

Vedremo nei dettagli i programmi e gli uomini che lo compongono , ma credo che comunque sara' sempre meglio di quello precedente, perché tra i 5S il PD e LeU , ci sono molte piu' sintonie programmatiche e di valori, di quelle che aveva fatto i 5S con la Lega... un vero inciucio, che aveva portato al governo giallo/verde, non con un programma comune ma un " contratto" tra diversi con la destra eversiva.

Readmore..

Sosteniamo la casa delle donne Lucha y Siesta per fermare il pericolo di sgombero

Care amiche e amici di Lucha y Siesta

è arrivato il momento di dimostrare tutta la forza della grande comunità che sostiene la casa delle donne autogestita di Via Lucio Sestio 10 affinché non torni ad essere un palazzo vuoto da vendere ai privati. Una casa di accoglienza per donne che escono dalla violenza e un centro di aggregazione culturale sui temi legati alla questione di genere rischia di chiudere.

Readmore..

Che cosa baciare

Care Amiche ed Amici,

tra il 7 e il 20 agosto si è consumata la sconfitta di Salvini già annunciata un anno fa in una nostra newsletter del 18 luglio 2018 (che ora si trova in: Raniero La Valle, Lettere in bottiglia, Gabrielli editore, pag. 176). Questo ultimo tempo del film della sconfitta si è andato svolgendo nello stesso tempo della tragedia dei naufraghi della Open Arms, non a caso conclusasi con lo sbarco a Lampedusa la sera stessa della caduta del governo.

Readmore..

Italia colonia Americana: liberiamoci dagli USA

Nel 1951 gli Stati Uniti d'America e l'Italia firmarono un primo accordo di cooperazione militare: gli Stati Uniti avrebbero rimesso in sesto il sistema di comunicazione militare in tutta Italia in cambio di circa mille ettari di terreno, tra Livorno e Pisa, da dedicare ad una base militare e la concessione ad operare militarmente, con proprie truppe, in Italia.

Readmore..

Sull’appello di Orlando. Giustizia e diritti non possono essere difesi dai mandanti delle minacce

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, iscrittosi al PD il 25 gennaio 2018 dopo la rielezione, nei giorni scorsi ha lanciato un appello contro la “fascistizzazione in corso”, “a difesa della democrazia in Italia” e per contrastare le scelte istituzionali “che sempre più mettono a rischio il rispetto dei valori democratici e le libertà fondamentali”. Un appello che appare, in questo difficile momento per la tenuta democratica italiana, sacrosanto e prezioso impegno.

Readmore..

Nanda Pivano, Claudio Lolli e quel mondo più bello dei sogni e degli emarginati

Sono passati già da dieci anni, trascorsi senza che ce ne accorgessimo. In un’afosa giornata di agosto volò via Fernanda Pivano. Conobbe Kerouac, Hemingway e tutti i grandi della letteratura libertaria. E cominciarono a sognare. Sogni veri, vissuti, profondi. Impastati di stelle e di polvere, la polvere della strada che Nanda ha attraversato con rara intensità e leggerezza. In punta di piedi le sue traduzioni, i suoi libri, hanno scavato un solco nella cultura italiana. Tenera e dolce, senza mai alzare la voce o cercare di imporsi con tracotanza. E’ bastato il cammino, la strada percorsa con i compagni di viaggio più belli.

Readmore..

I no di Salvini e la nostra quotidiana profezia: lettera ad Avvenire

Caro direttore, per Salvini il governo doveva finire per i troppi no dei Cinque stelle. Io sono stato sempre contrario al governo uscente ma perché guardare solo ai no grillini? Perché non valutare i no salviniani?

Readmore..

Ciao Anna Maria

L’Associazione Volontari Ascolto Accoglienza comunica la scomparsa di Anna Maria Vignali e partecipa al dolore dei familiari.

Readmore..

Photogallery

NO F35

Eventi

Ultimo Mese Settembre 2019 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30



Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.