Cantiere per la pace Lunigiana

Associazioni

Home

Raffronto tra il testo della  Costituzione in vigore e la proposta di modifica


L'Ufficio Studi della Camera dei Deputati ha pubblicato on line il  testo  vigente  della  Costituzione  confrontato  con  quello  modificato  dal testo di legge costituzionale, come risultante dall’esame parlamentare.


 
Femminicidio PDF Stampa E-mail
Scritto da ComboniFem - Redazione Newsletter Suore Comboniane   
Domenica 27 Novembre 2016 15:25

Ancora una morte annunciata oggi. E scrivere una newsletter sull’ennesimo femminicidio rende la testa e le mani pesanti. Domani è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e, ancora una volta, si susseguiranno manifestazioni, riflessioni e denunce. Ancora una volta, mentre tutto attorno poco o niente cambia.

Leggi tutto...
 
I valori supremi della costituzione traditi dalla riforma PDF Stampa E-mail
Scritto da Raniero La Valle   
Domenica 20 Novembre 2016 17:29

La Corte Costituzionale ha affermato che ci sono dei valori supremi sui quali si fonda la Costituzione, che non possono essere sovvertiti o modificati nemmeno da leggi di revisione costituzionale. Questi principi supremi affermati soprattutto nella prima parte della Costituzione sono in gioco nella seconda, che ne dovrebbe garantire l'attuazione; ma proprio questi sono ora disattesi o traditi nella riforma sottoposta al voto popolare del 4 dicembre.

Leggi tutto...
 
Il vero quesito: approvate una revisione della seconda parte della costituzione che rende la costituzione non costituzionale? PDF Stampa E-mail
Scritto da Raniero La Valle   
Mercoledì 16 Novembre 2016 18:57

È abbastanza paradossale che mentre si scatena il ciclone della vittoria di Trump e tutto si muove, noi dobbiamo discutere di un falso referendum, fatto di piccole vendette contro la casta dei politici, di un Cnel che non è mai esistito e a cui togliamo la targhetta dalla porta, di un bicameralismo che non è affatto superato, e di 90 centesimi di risparmio a testa per ogni italiano come compenso per lo sconquasso del Senato e l'uscita dalla democrazia parlamentare. Ciò si deve al fatto che mentre parlava di alta velocità, Renzi mandava la politica italiana su un binario morto. Ma noi sappiamo che il vero referendum è un altro, è quello che decide la transizione da un regime politico ed economico a un altro, da un'idea di Repubblica a un'altra; è per questo che ci tengono tanto, addirittura da spedire quattro milioni di lettere ad altrettanti italiani che stanno all'estero, e che magari in Italia non ci sono mai stati. Ma dopo Trump è chiaro che invece dobbiamo uscire dal binario morto, salvare la Costituzione e riaprire la partita del futuro.

Leggi tutto...
 

News

Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Notiziario AAdP

E' disponibile il nuovo numero del notiziario, dal quale è possibile scaricare anche una versione stampabile, contente il testo integrale degli articoli più significativi

Scarica il notiziario


Non una di meno

Fotoreportages: "Non una di meno" (Dario Lo Scalzo)

Link


Costituzione

La vera posta in gioco (Francesco Cappello)

Link


Spese militari

Con Pinotti-Renzi tornano a crescere le spese militari

Link


Diritti umani

Amnesty International : violazioni dei diritti umani negli Hotspot. ASGI: il Governo monitori (Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)

Link


Articoli recenti

Le donne verso lo sciopero globale

Motivato, circolare, inclusivo. Competente. Attento a nominare i punti di criticità, ma senza espellerli. Un movimento globale. Dopo la grande manifestazione, che ha portato in piazza a Roma 200.000 persone contro la violenza maschile e i femminicidi, domenica le donne hanno letteralmente riempito la facoltà di psicologia. Per l’assmblea plenaria, l’aula magna non è bastata, più di 1.300. Nonostante la fatica e l’impegno di un’intera giornata di discussione, se non ci fossero state le partenze di chi veniva da fuori, si sarebbe continuato ancora: a confrontarsi, a progettare. Chi è rimasto a Roma, ha continuato a parlare nelle piazzette di San Lorenzo, intorno a una bottiglia di birra, che passava di mano in mano.

Readmore..

Donne in piazza, lo schema si ribalta

Non è stato perso nulla, di quello che è stato fatto, e tutto è nuovo. Questo l’effetto diffuso e condiviso della manifestazione NonUnaDiMeno contro la violenza maschile sulle donne del 26 novembre. Una forza viva, sfidante, immensa. Una gioia irrefrenabile.

Readmore..

”Italia Ripensaci” e lavora concretamente per la messa al bando delle armi nucleari

Lettera di Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo a Renzi e Gentiloni: “Bisogna trovare il coraggio di agire adesso, per conto dell’umanità presente e futura”

Readmore..

L'Unione Europea approva il sostegno all'industria militare con fondi pubblici

Dopo l'odierno voto finale sul Bilancio annuale UE 2017, i membri della Rete europea ENAAT di cui anche Rete Disarmo è parte esprimono preoccupazione per l'adozione di un'azione preparatoria per la ricerca militare (PA), con un budget previsto di 90 milioni di euro in 3 anni e come parte di un più ampio Piano d'Azione a favore dell'industria degli armamenti.

Readmore..

Femminicidio

Ancora una morte annunciata oggi. E scrivere una newsletter sull’ennesimo femminicidio rende la testa e le mani pesanti. Domani è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e, ancora una volta, si susseguiranno manifestazioni, riflessioni e denunce. Ancora una volta, mentre tutto attorno poco o niente cambia.

Readmore..

I valori supremi della costituzione traditi dalla riforma

La Corte Costituzionale ha affermato che ci sono dei valori supremi sui quali si fonda la Costituzione, che non possono essere sovvertiti o modificati nemmeno da leggi di revisione costituzionale. Questi principi supremi affermati soprattutto nella prima parte della Costituzione sono in gioco nella seconda, che ne dovrebbe garantire l'attuazione; ma proprio questi sono ora disattesi o traditi nella riforma sottoposta al voto popolare del 4 dicembre.

Readmore..

Appunti sul referendum di modifica della Costituzione

Oggi (19/11/2016 ndr) una bella assemblea dell'Anpi, a Torino, sul referendum costituzionale. Sono stati espressi diversi pareri (non tutti per il no) sulle due ampie relazioni di Maria Grazia Pellerino (è stata assessora con Fassino, per il no) e da Anna Rossomando (parlamentare Pd, per il si).

Readmore..

Il vero quesito: approvate una revisione della seconda parte della costituzione che rende la costituzione non costituzionale?

È abbastanza paradossale che mentre si scatena il ciclone della vittoria di Trump e tutto si muove, noi dobbiamo discutere di un falso referendum, fatto di piccole vendette contro la casta dei politici, di un Cnel che non è mai esistito e a cui togliamo la targhetta dalla porta, di un bicameralismo che non è affatto superato, e di 90 centesimi di risparmio a testa per ogni italiano come compenso per lo sconquasso del Senato e l'uscita dalla democrazia parlamentare. Ciò si deve al fatto che mentre parlava di alta velocità, Renzi mandava la politica italiana su un binario morto. Ma noi sappiamo che il vero referendum è un altro, è quello che decide la transizione da un regime politico ed economico a un altro, da un'idea di Repubblica a un'altra; è per questo che ci tengono tanto, addirittura da spedire quattro milioni di lettere ad altrettanti italiani che stanno all'estero, e che magari in Italia non ci sono mai stati. Ma dopo Trump è chiaro che invece dobbiamo uscire dal binario morto, salvare la Costituzione e riaprire la partita del futuro.

Readmore..

Lettera a Matteo Renzi

Una dozzina di cittadini della provincia di Lecco ha inviato a Matteo Renzi e ad alcuni quotidiani questa lettera, che mi pare un ottimo esempio di senso civico, da condividere. Io la condivido.

Enrico Peyretti, Torino

Readmore..

La nonviolenza

La nonviolenza non la trovi al ristorante.

Non la incontri al circolo dei nobili.

Non frequenta la scuola di buone maniere.

È sempre fuori dall'inquadratura delle telecamere delle televisioni.

La nonviolenza non fa spettacolo.

La nonviolenza non vende consolazioni.

La nonviolenza non guarda la partita.

Readmore..

Approvate una riforma che prevede la vittoria come il fine della politica e la società divisa in vincitori e sconfitti?

Chi vincerà il prossimo referendum? Ormai da molti mesi l'unico scopo, l'"oggetto immenso" della politica italiana è la vittoria nel referendum.

Renzi non pensa ad altro, e attribuisce all'esito del referendum conseguenze epocali sia per il vincitore - che dovrebbe essere lui - sia per i perdenti che dovrebbero essere tutti gli altri (D'Alema, Bersani, Zagrebelsky, i Cinque Stelle, i gufi, i parrucconi).

Readmore..

10 idee sparse sul presidente Trump

Ci sarà tempo per analisi e riflessioni. Tuttavia, alcune cose si possono già dire:

Readmore..

Sull'elezione di Trump

La colpa di quanto accade negli Usa non è della Clinton.

E' sempre stata una donna del potere, che è stata scelta, lei candidata debolissima, proprio per la sua fedeltà ai poteri forti.

E si avvia a perdere nonostante l'oro di cui è stata ricoperta, tutti i media e i governi esteri a favore e persino i brogli della leadership del suo partito per indebolire Bernie Sanders alle primarie.

Readmore..

Da Trento nuovo slancio per la difesa civile e nonviolenta

Si sono svolti con grande successo a Trento nelle giornate di venerdì 4 novembre e sabato 5 novembre gli “Stati generali per la difesa civile, non armata e nonviolenta”, prima occasione in Italia per di riflessione e incontro tra società civile e politica su questa tematica. Un appuntamento di lavoro promosso dalla Campagna “Un'altra difesa è possibile” e dalle sei Reti nazionali che l'hanno lanciata: Tavolo Interventi Civili di Pace, Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile, Forum Nazionale Servizio Civile, Campagna Sbilanciamoci!, Rete della Pace e Rete Italiana per il Disarmo.

Readmore..

Rappresentanza ed Accoglienza

Sono passati due anni dalla prima emozionante e festosa cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria Italiana ai bimbi nati a Massa da genitori stranieri.  Noi dell’Accademia e tutti i presenti nell’aula del consiglio abbiamo ancora vivo il ricordo dei volti di quei genitori così orgogliosi e felici.

Readmore..

4-5 novembre 2016: due giorni di lavoro a Trento per la difesa civile e nonviolenta

Convocati nel capoluogo trentino, dalle sei reti nazionali promotrici della Campagna “Un'altra difesa è possibile”, gli Stati Generali della Difesa civile non armata e nonviolenta. Occasione di approfondimento e di dibattito tra società civile, istituzioni, politica

Due giorni di confronto e di analisi per costruire, fattivamente, un'altro concetto di difesa non più legato forzatamente alla sola dimensione militare. Analisi, proposte, dibattiti fra realtà ed organizzazioni di varia natura e provenienza: sono questi i contenuti che andranno di scena a Trento il 4 e 5 novembre prossimi. Per la prima volta nel nostro Paese sono stati infatti convocati gli "Stati generali della difesa civile non armata e nonviolenta", con la presenza di tutti coloro che cercano, studiano, sperimentano, praticano "l'altra difesa"; cioè una forma diversa da quella militare di adempiere l'obbligo costituzionale di Difesa della Patria (e delle persone che la abitano).

L'incontro, promosso dalla Campagna "Un'altra difesa è possibile" con la collaborazione del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani e dal Comitato delle associazioni per la Pace e i diritti umani di Rovereto, fa parte del lungo percorso di lavoro che ha già permesso la presentazione al Parlamento di un progetto di Legge (già recepito ed ora all'attenzione della competenti Commissioni della Camera) che prevede l'istituzionalizzazione della Difesa civile e non armata. Con conseguente spostamento di fondi dalle forme armate e militari verso la protezione del territorio, dei diritti, della comunità, e con la creazione di percorsi di prevenzione dei conflitti armati.

“L'idea di difesa della Patria fino a qualche decennio fa richiamava alla mente la difesa dei confini italiani ed evocava nomi come Piave, Caporetto, Monte Grappa – commenta Mao Valpiana presidente del Movimento Nonviolento e coordinatore della Campagna - oggi invece per noi la difesa della Patria significa messa in sicurezza del territorio, e i nomi evocativi sono quelli di Amatrice, L'Aquila, Norcia... L'evoluzione della storia, del pensiero, del sentire comune ha modificato e aggiornato il senso stesso della parola Patria. Ma forse già i padri e le madri costituenti avevano in mente un concetto ampio (e moderno) di Patria, affidando la sua difesa ai cittadini (e non ai militari)”.

E' sulla base di questa visione che il prossimo fine settimana si riuniranno a Trento gli "Stati generali della Difesa civile non armata e nonviolenta”. Il programma prevede nel pomeriggio di venerdì 4 novembre un primo appuntamento introduttivo e di presentazione alla città di degli Stati Generali. Dopo il punto della situazione sul percorso di Campagna il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani Massimiliano Pilati coordinerà la Tavola Rotonda “Difesa civile, Protezione Civile, Difesa del territorio e della popolazione” con la presenza della dott.ssa Luisa Zappini, rappresentante della Protezione civile del Trentino, del dott. Giovanni Bastianini, Presidente della Consulta Nazionale del Servizio Civile e dell’avv. Nicola Canestrini, Presidente della Scuola provinciale cani da ricerca e catastrofe.

Sempre presso il Centro Formazione Solidarietà Internazionale (vicolo S. Marco 1 a Trento) avranno luogo il giorno successivo, sabato 5 novembre, i veri e propri "Stati generali della Difesa civile non armata e nonviolenta” con un fitto programma previsto dalle 9.30 alle 18.

La mattinata, dopo l'introduzione di Mao Valpiana e i saluti di Paolo Tonelli (Presidente del Centro di Formazione Solidarietà Internazionale) e Sara Ferrari (Assessore all’università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo della Provincia Autonoma di Trento) proporrà tre sessioni di analisi. Ai dialoghi tematici prenderanno parte Fabrizio Battistelli (Archivio Disarmo) e Pasquale Pugliese (Movimento Nonviolento) per quanto riguarda “Le minacce alla sicurezza”, Enrico Piovesana (Osservatorio Milex) e Francesco Vignarca (Rete Italiana per il Disarmo) sul tema de “La difesa militare oggi: aspettative, limiti e costi” e infine Maurizio Simoncelli (Rete della Pace) e Giorgio Beretta (Osservatorio permanente sulle armi leggere e politiche di sicurezza e difesa) per un approfondimento su “Il commercio italiano di armamenti nello scenario europeo e mondiale”.

Nel pomeriggio si darà spazio alle proposte con sessioni dedicate a “Il Servizio Civile Nazionale e la Protezione Civile, eserciti di pace” di cui parleranno Licio Palazzini (Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile) e Giovanni Bastianini (Dipartimento Nazionale Protezione Civile), ai “Corpi civili di pace, in Italia e all’estero” approfonditi da Enrico Maria Borrelli (Forum Nazionale del Servizio Civile) e Martina Pignatti (Tavolo Interventi Civili di Pace) per finire con un momento dedicato a “La ricerca e gli studi per la pace nell’esperienza italiana” curato da Gianni Scotto (Istituto per gli studi di politica internazionale) e Bernardo Venturi (Centro Studi Difesa Civile).

Gli Stati Generali verranno poi conclusi da una Tavola rotonda tra esponenti del mondo pacifista e della politica centrata sull’iter della Proposta di Legge sulla Difesa civile non armata e Nonviolenta, per capirne la portata e le possibilità di successo. Al momento di confronto sono stati invitati il Presidente della Commissione Difesa della Camera e i deputati primi firmatari del PdL C3484, con confermato di presenza già ricevuta da parte di Massimo Artini (Alternativa Libera), Giuseppe Civati (Possibile), Giulio Marcon (Sinistra Italiana), Mario Sberna (Democrazia Solidale – Centro Democratico), Giorgio Zanin (Partito Democratico). A moderare il dibattito, che potrà vedere anche gli interventi di ulteriori parlamentari sia trentini che di altre regioni italiane, Raffaello Zordan giornalista della redazione di Nigrizia.

La Campagna è promossa e sostenuta da sei Reti nazionali del mondo nonviolento, del disarmo, della Pace, del Terzo settore e del servizio civile, che riuniscono complessivamente oltre 200 associazioni del volontariato.

La data dell'appuntamento non è casuale: il 4 novembre si ricorda la fine della tragica carneficina avvenuta un secolo fa nel cuore dell'Europa, e ci ricorda in maniera chiara come sia venuto il momento di voltare pagina e quale sia la nostra responsabilità nella costruzione di una Pace duratura capace di difendere popoli e territori.

Dichiarazioni dei rappresentanti delle sei Reti promotrici

La politica estera, di difesa, agli affari interni e le politiche economiche e sociali sono strettamente interrelate e parti di un modello geopolitico, economico e sociale che va cambiato. Le armi non ci mettono al sicuro, né possono tutelare le popolazioni che si trovano coinvolte direttamente in guerre e conflitti nei loro paesi. Per questo è indispensabile immaginare e costruire insieme e dal basso l’altra difesa possibile: quella pacifica, nonviolenta, di impegno, di partecipazione e di dialogo civile. Di questo parleremo a Trento.

Grazia Naletto, coordinatrice della Campagna Sbilanciamoci!

Le comunità e gli enti locali in zone di conflitto, anche in situazioni di violenza estrema come quelle che stiamo seguendo nel Nord dell'Iraq, chiedono l'intervento di operatori di pace che diano sostegno a processi di mediazione, prevenzione delle vendette, riconciliazione. L'Italia deve dotarsi di luoghi istituzionali per formare, preparare e inviare tali operatori in zone di tensione, invece di investire solo nello strumento militare. Per questo i Corpi Civili di Pace saranno al centro del dibattito negli Stati Generali che abbiamo convocato a Trento

Martina Pignatti Morano, per il Tavolo Interventi Civili di Pace

Con gli Stati Generali della Difesa Civile non armata e nonviolenta, le organizzazioni sociali si confrontano per proporre programmi e progetti di servizio civile nazionale universale per i giovani di questo millennio che diano concretezza e senso storico alla convivenza con i conflitti, da quelli personali a quelli sociali a quelli internazionali attraverso una loro gestione e risoluzione nonviolenta.

Licio Palazzini, presidente della Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile

La nostra Campagna, che si pone l’obiettivo del riconoscimento della Difesa civile, non armata e nonviolenta, parte da un contesto favorevole: la Corte Costituzionale ha già da tempo riconosciuto pari dignità e valore alla difesa non armata della Patria. E’ ora venuto il momento di costruire nella pratica quanto le norme già prevedono. Per questo l’appuntamento di Trento è fondamentale.

Enrico Maria Borrelli, presidente del Forum Nazionale del Servizio Civile

E’ sempre più importante trasmettere alle nostre comunità il concetto di difesa civile come scritto nella nostra Costituzione, per la messa in sicurezza della popolazione dentro e oltre i confini nazionali e come paradigma alternativo alla logica militare, interventista, distruttiva. Per queste ragioni l’appuntamento di Trento è un momento di riflessione e rilancio della politica di Pace.

Sergio Bassoli, coordinamento segreteria Rete della Pace

“Se vuoi la Pace prepara la Pace” è la frase che riassume l’impegno per il disarmo come de-costruzione di un sistema di guerra e di alternativa costruzione di un sistema che difenda la vita delle persone e dei popoli. Per farlo occorre scegliere in cosa investire ed è per questo che vorremmo trasferire ad altri usi gli oltre 23 miliardi di euro di spesa militare italiana annuale. Per avere Istituzioni pronte a progettare e mettere in pratica una difesa nonviolenta con scelte alternative più giuste ma soprattutto più efficaci.

Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Italiana per il Disarmo

Readmore..

Buona accoglienza l'anticorpo del razzismo

La buona accoglienza: un anticorpo efficace contro il razzismo. E' inevitabile che l'arrivo e la presenza dei profughi, dei richiedenti asilo e dei rifugiati divida e squarci il nostro paese e l'Europa in universi contrapposti? E' proprio necessario che le strategie e le scelte politiche e istituzionali debbano lasciarsi attraversare e condizionare dalle pulsioni xenofobe? La domanda torna attuale dopo i fatti di questi giorni.

Readmore..

Inadeguatezza

Il dibattito, se così si può chiamare, intorno alla riforma della Costituzione, ma, in generale, l'attuale dialettica politica mi lasciano perplesso e, sopratutto, mi fanno percepire inadeguato a questa cultura politica, che ormai ha contagiato quasi tutti, segnando una sconvolgente continuità con gli ultimi due decenni trascorsi.

Readmore..

All'Onu 123 Paesi per un Trattato di messa al bando delle armi nucleari, l'Italia vota no

La votazione del 27 ottobre 2016 al Primo Comitato sul Disarmo dell'Assemblea ONU di New York fa partire il percorso verso un Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari per il 2017

Readmore..

Intervista a Mariangela Maraviglia, autrice del libro "David Maria Turoldo, sempre e solo alla ricerca del bene"

Il 22 novembre 1916 a Coderno di Sedegliano in Friuli nasceva David Maria Turoldo. A cent'anni di distanza finalmente è stata pubblicata una biografia completa e puntuale di questo "maniaco di Dio", come lui stesso si definì. Questo poderoso lavoro (David Maria Turoldo. La vita, la testimonianza (1916-1992), Morcelliana, Brescia 2016, pp. 448) è opera di Mariangela Maraviglia, docente di Storia della Chiesa nelle scuole teologiche delle diocesi di Pistoia e di Prato, membro del Comitato Scientifico della Fondazione Mazzolari di Bozzolo, giornalista pubblicista.

Readmore..

Photogallery

Eventi

Ultimo Mese Dicembre 2016 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
week 48 1 2 3 4
week 49 5 6 7 8 9 10 11
week 50 12 13 14 15 16 17 18
week 51 19 20 21 22 23 24 25
week 52 26 27 28 29 30 31



Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.