I Clandestini PDF Stampa E-mail
Scritto da Riccardo Cocciante (2001)   
Sabato 17 Dicembre 2011 23:13

I CLANDESTINI (R. Cocciante - P. Panella) - 2001

Noi siamo gli stranieri, i clandestini
noi uomini e donne

soltanto vivi

asilo, asilo

Noi siamo gli stranieri, i clandestini
noi uomini e donne
di povertà


o Notre Dame
e noi ti domandiamo asilo

asilo, asilo


Noi siamo più di mille
noi la città incivile
per dieci diecimila
per cento centomila
noi siamo i tuoi milioni
e noi ci avviciniamo a te
a te.

Noi siamo gli stranieri, i clandestini
noi siamo quel niente che conta zero


o Notre Dame
e noi ti domandiamo asilo

asilo, asilo


Noi siamo il formicaio che è sotto la città
tu, uomo, dove sei?
Il mondo non è qua,
ma è qua che cambierà e si mescolerà
e ricomincerà,
da qui

Noi siamo gli stranieri, i clandestini
noi uomini e donne soltanto vivi.

Noi siamo gli sconfitti, battuti e vinti
e se noi perdiamo
perdiamo niente.
E niente è niente, non conta niente.

Noi siamo chi non ha l'immunità
nel mondo noi siamo la nullità.
Noi siamo figli e madri
e padri e figli.

Noi siamo gli stranieri, i clandestini
Noi siamo gli esclusi, gli abusivi.

Noi siamo gli stranieri del mondo intero.
Dovunque noi siamo, noi siamo fuori,
o Notre Dame,

e noi ti domandiamo asilo,

asilo


Noi siamo gli stranieri, i clandestini
noi uomini e donne

soltanto vivi
o Notre Dame
e noi ti domandiamo asilo

asilo, asilo...

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.