Home Europa Balcani I balcani occidentali sulla loro strada verso l'Unione Europea
I balcani occidentali sulla loro strada verso l'Unione Europea PDF Stampa E-mail
Scritto da Štefan Füle   
Sabato 02 Febbraio 2013 11:59

Di seguito il discorso di Štefan Füle Commissario europeo per l´allargamento e la politica di vicinato:

“ Signor Presidente, Sono lieto di avere l´opportunità di partecipare a questa conferenza sulla prospettiva europea dei Balcani occidentali. Questi scambi di opinioni, in particolare con i membri del Parlamento europeo, mi hanno permesso di capire la posizione delle principali parti interessate e di collaborare con gli altri nel portare avanti la nostra politica fin dall´inizio del mio mandato come Commissario per l´allargamento e la politica europea di vicinato. L´anno passato ha visto grandi progressi da un certo numero di paesi dei Balcani occidentali sulla loro strada verso l´Unione europea.

La Croazia è a un paio di mesi di distanza dal diventare il 28 ° Stato membro, la Serbia è un paese candidato e negoziati di adesione sono stati aperti con il Montenegro. Nel 2013, è fondamentale che la quantità di moto per l´allargamento sia mantenuto e che le riforme necessarie per progredire nel cammino europeo nei paesi dell´allargamento sono perseguite con vigore.

Mantenere lo slancio dell´allargamento e lo slancio delle riforme sono due facce della stessa medaglia. Entrambi sono fondamentali per la credibilità della nostra politica di allargamento. Una politica di allargamento credibile è parte della soluzione di alcuni dei problemi che il nostro continente si trova ad affrontare, e non - come alcuni sostengono - una parte del problema. L´allargamento significa promuovere la stabilità economica e finanziaria e il sostegno aumento degli scambi e opportunità di business nei paesi aspiranti che, con le nostre economie interconnesse, è nel nostro interesse in quanto si traduce in maggiore crescita e occupazione. Allo stesso tempo, tenendo conto delle sfide più importanti che attendono l´Unione europea, la politica di allargamento dovrebbe riflettere un prudente approccio cauto sulla base di una rigorosa condizionalità.

A seguito dell´adozione del pacchetto allargamento della Commissione nel mese di ottobre, le conclusioni del Consiglio sull´ampliamento del mese scorso è stato impostato un programma ambizioso per il primo semestre del 2013. Ciò comporterà un notevole lavoro per tutti gli interessati. In primo luogo sarà per i paesi dell´allargamento a soddisfare le aspettative e di realizzare le condizioni necessarie. Prima di prendere l´utente attraverso il processo di allargamento, per i paesi dei Balcani occidentali nel prossimo anno, vorrei soffermarmi su un paio di questioni orizzontali che ritengo estremamente importante e che definirà l´allargamento di quest´anno.

Il primo è questioni bilaterali e qui siamo di fronte a una sfida, perché abbiamo chiaramente dire che: non vogliamo principali questioni bilaterali da importare nell´Unione europea; non vogliamo bilaterali "miniere" di esplosivo nel bel mezzo del processo di adesione. E che pone la domanda: come faremo a gestire i problemi bilaterali? Alcuni possono essere risolti facilmente tra le parti interessate, gli altri possono essere risolti con l´aiuto dell´Unione europea, e, come la Croazia e la Slovenia hanno dimostrato, un meccanismo di arbitrato potrebbe aiutare. Infine abbiamo la Corte internazionale di giustizia dell´Aia. La cosa più importante nel 2013 è che questo problema è riconosciuto come uno dei principali elementi di relazioni di buon vicinato, un principio al quale si farà riferimento sempre di più man mano che andiamo avanti. Ed è importante che si cominci ad affrontare questi problemi in modo da non ostacolare il processo di adesione.

La seconda questione orizzontale che sarà molto importante per il prossimo anno è quello di conciliare ravvicinamento con l´ acquis , tutti i 130.000 o 140.000 pagine di esso, con ciò che è in cantiere e ciò che viene deciso in ogni Consiglio e del Parlamento europeo della sessione. La crisi ha dimostrato che, come è importante realizzare la acquis, è anche importante che tutti i paesi candidati all´adesione siano associati ai cambiamenti di governance economica dell´Unione europea. E ´chiaro che l´Unione europea deve continuare ad evolversi, se è quello di superare le importanti sfide che si trova ad affrontare e se si vuole avere successo in un mercato sempre più competitivo contesto economico mondiale. L´unione europea che i paesi dei Balcani occidentali dovrebbero unirsi alla fine sarà senza dubbio in modo alquanto diverso da parte dell´Unione europea di oggi.

Nel suo documento di strategia 2012 la Commissione europea ha sottolineato l´importanza di un ulteriore associare i paesi dell´allargamento al rafforzamento della governance economica dell´Unione europea, nonché le misure di attuazione per sostenere la ripresa economica. Paesi dell´allargamento Per conoscere già ora con i cambiamenti in atto nel l´Unione europea non solo sostenere le riforme economiche, ma anche rafforzare la responsabilità in questi paesi. Guardando al lavoro che ci attende in materia di allargamento, in primavera la Commissione europea pubblicherà la sua ultima relazione di controllo sulla Croazia e anche relazioni su diversi candidati e potenziali candidati.

Sulla base di tali relazioni, se i progressi sono stati compiuti sufficienti, gli Stati membri, valuterà l´opportunità di aprire i negoziati di adesione con la Serbia e con l´ex Repubblica iugoslava di Macedonia, e se approvare un mandato per avviare negoziati con il Kosovo su una di stabilizzazione e di Accordo di associazione. A seconda del corso, una relazione sulle Albania è anche possibile, mentre la prospettiva di una domanda di adesione credibile dalla Bosnia-erzegovina rimane aperto, soggetto a condizioni ben note. Nel 2013, ho anche guardare avanti per l´avanzamento dei negoziati di adesione con il Montenegro e il progresso nel dialogo sui visti con il Kosovo. Signor Presidente, Per tutti i paesi dei Balcani occidentali, tappe importanti del percorso europeo sono a portata di mano, se le condizioni sono soddisfatte. Non vediamo l´ora di giocare a tutti la loro parte per facilitare ulteriori progressi del programma di allargamento nel prossimo periodo, in modo da poter fornire il programma ambizioso di cui il Consiglio di dicembre. Siamo pronti a fare la nostra parte. Grazie per la vostra attenzione, non vedo l´ora per la nostra discussione.”

POLITICA REGIONALE DELL´UE: CREARE FIDUCIA TRA COMUNITÀ DIVISE

Bruxelles, 30 gennaio 2013 - In seguito all´assegnazione del premio Nobel per la Pace all´Unione europea, la Commissione europea invita le comunità divise nell´Ue e fuori di essa a esaminare se e come potrebbero attingere all´esperienza del programma Peace dell´Ue realizzato nell´Irlanda del Nord e nella regione confinante dell´Irlanda. Giovedì 31 gennaio, alle ore 9.00, Johannes Hahn, commissario responsabile per la Politica regionale, ospiterà nell´edificio Charlemagne una conferenza intitolata "Bringing Divided Communities Together - Sharing the Experience of the Eu Peace Programme" (Far incontrare le comunità divise – Condividere l´esperienza del programma Peace dell´Ue). Alla conferenza parteciperanno anche il Primo ministro dell´Irlanda del Nord, Peter Robinson, il vice primo ministro, Martin Mcguinness, e il ministro irlandese per la Spesa pubblica e la riforma, Brendan Howlin. Alla conferenza presenzieranno rappresentanti degli Stati membri dell´Ue, dei paesi candidati, dei paesi oggetto della politica di vicinato e altri. Prenderanno parte alla conferenza anche i partecipanti di tre progetti di peace-building nell´Irlanda del Nord per condividere le loro esperienze.

Alla loro esposizione farà seguito una discussione per analizzare in quale misura la strategia del programma Peace potrebbe essere applicata in altre parti del mondo. In vista di questo evento, il commissario Hahn ha affermato: "I programmi Peace dell´Ue hanno avuto ripercussioni positive sulla vita di circa un milione di persone nell´Irlanda del Nord e nella Border Region dell´Irlanda ed hanno contribuito a creare le condizioni per la pace e la riconciliazione.

Questa è un´occasione per celebrare l´operato di molte persone coraggiose e impegnate di entrambe le comunità e di stabilire in quale misura altri possano trarre insegnamento dalla loro esperienza". Il commissario ha aggiunto, "Gli eventi recenti nell´Irlanda del Nord hanno dimostrato che c´è ancora del lavoro da fare, ma anche che la grande maggioranza della popolazione desidera la pace. I fondi dell´Ue devono svolgere un ruolo importante per contribuire a porre le fondamenta di una società condivisa in cui ogni comunità si avvantaggia dei frutti della pace.

La politica regionale ha, per l´appunto, il compito di fornire investimenti atti a fare la differenza nella vita delle persone, ed io ho fiducia che il programma Peace continuerà indipendentemente dai risultati delle attuali discussioni di bilancio". I progetti presentati alla conferenza sono: Groundwork Ni ha gestito due progetti imperniati su zone geografiche contestate, tentando di superare le divisioni settarie e la segregazione all´interno delle comunità locali nell´Irlanda del Nord e nella regione irlandese confinante. Oltre a trovare un uso pratico per i siti in condizioni d´abbandono o inutilizzati, si sono create tra le due comunità relazioni di buon vicinato pervenendo a decisioni comuni sulle aree locali destinate alla riqualificazione e alla trasformazione e ponendo le basi per una convivenza pacifica per il futuro.

Theatre of Witness si basa su rappresentazioni teatrali: la vita vera di persone di diversa estrazione è rappresentata dagli interessati stessi. Le produzioni di Theatre of Witness abbracciano le varie dimensioni della parola, della musica, del movimento e delle immagini di animazione. Alcuni recenti programmi del Theatre of Witness hanno fatto incontrare le vittime di atti di violenza con coloro che li hanno commessi o vi hanno assistito per approfondire gli aspetti della responsabilità, della colpa, del perdono e della riabilitazione. Football for All è un programma che intende affrontare le derive settarie e il razzismo attraverso il gioco del calcio e diverse misure educative a livello di base, come ad esempio la collaborazione con i club calcistici irlandesi e i gruppi della collettività, i tifosi e i volontari. Contesto: Il programma Peace Iii per l´Irlanda del Nord e la Border Region dell´Irlanda è cofinanziato dall´Unione europea (225 milioni di Eur forniti dall´Ue con un ulteriore contributo nazionale di 108 milioni di Eur) attingendo ai fondi per la politica regionale.

Gli obiettivi principali del programma Peace Iii sono il rafforzamento dei progressi verso una società pacifica e stabile e la promozione della riconciliazione fornendo assistenza a operazioni e progetti che contribuiscono a riunire le comunità e a far maturare l´immagine di una società condivisa per tutti. Il lancio del programma Peace nel 1995 era stato la manifestazione diretta del desiderio dell´Unione europea di dare una risposta positiva alle nuove opportunità che si aprivano nel processo di pace nell´Irlanda del Nord in seguito agli annunci di cessate il fuoco dei gruppi paramilitari. Da allora l´Ue ha fornito un´ulteriore assistenza finanziaria attraverso il programma Peace Ii e l´attuale Peace Iii (2007-2013) per un totale di 1,3 miliardi di Eur. Il programma pone particolarmente l´accento sulle iniziative ispirate dalle comunità stesse per pervenire a una visione condivisa della società, lavorare assieme su progetti comuni e fare i conti con il passato. Si assicurerà la copertura dell´evento e si forniranno immagini di repertorio.

Http://ec.europa.eu/regional_policy/conferences/peace/agenda_en.cfm

Segnalato da Luigi Badiali

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.