Home Nonviolenza Esperienze Il Movimento Nonviolento piange la morte di Nanni Salio, maestro di nonviolenza
Il Movimento Nonviolento piange la morte di Nanni Salio, maestro di nonviolenza PDF Stampa E-mail
Scritto da Movimento Nonviolento   
Martedì 02 Febbraio 2016 20:00

Il Movimento Nonviolento piange la morte di Nanni Salio, maestro di nonviolenza. Restiamo senza una guida, perdiamo un punto di riferimento.

Nanni se ne è andato troppo presto, ma ci consola sapere che ora è realmente nella compresenza alla quale lui stesso sempre si richiamava per sentire vivi gli amici che l'hanno preceduto, Domenico Sereno Regis, Gabriella Poli, Luca Magosso, Daci Stefancich, la sua amata compagna e moglie. Nell'occasione dell'addio terreno alla donna che gli è stata a fianco, Nanni utilizzò queste parole, che noi ora ripetiamo per lui: "Le tue ceneri stanno per rientrare nel grande ciclo della vita e della morte, che per noi umani è avvolto nel mistero. Siamo polvere di stelle dell'immenso universo nel quale ritorniamo con le nostre ceneri. Forse un giorno, quando sarà giunta l'ora, qualche frammento delle mie ceneri si unirà alle tue, nel grande Tutto verso cui aneliamo e che non riusciamo a raggiungere consapevolmente".

Nanni ha fatto e dato molto per la nonviolenza. è stato un teorico, intellettuale, studioso, analista, attivista, militante, organizzatore.

Mite, schivo, compassionevole, coerente nel legame pensiero-azione. Per il Centro Sereno Regis ha dato l'anima, e ora la sua anima li' continuerà a vivere e ispirare tanti per proseguire il lavoro nonviolento.

Come sta scritto nel Libro della Sapienza (3,1 - 4,7): "Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà. Il giusto, anche se muore prematuramente, troverà riposo".

Nanni, il Movimento Nonviolento ti ringrazia per come hai speso la tua vita da uomo giusto.

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.