Home Medio oriente Palestina Le donne palestinesi detenute nelle carceri israeliane lanciano una protesta contro i maltrattamenti da parte del servizio carcerario israeliano
Le donne palestinesi detenute nelle carceri israeliane lanciano una protesta contro i maltrattamenti da parte del servizio carcerario israeliano PDF Stampa E-mail
Scritto da Commissione per i prigionieri palestines   
Domenica 11 Giugno 2017 14:29

Almeno 30 donne palestinesi detenute nelle carceri israeliane hanno lanciato un’azione di protesta  lunedì, 5 giugno, cominciando  a rimandare indietro i pasti e rifiutando di alzarsi alla chiamata. Ciò in risposta all’annuncio che un certo numero di donne darà spostato dal carcere di HaSharon al carcere di Ramla, dove sono rinchiusi criminali  comuni israeliani, e dove sarebbero esposte ad ulteriori rischi sia sul piano fisico che sul piano psicologico.[1] Le donne hanno inoltre denunciato l'aumento dei prezzi nel magazzino alimentare gestito da una compagnia israeliana come pure del materiale di artigianato tessile, che in passato era fornito dalle famiglie. Ora, lo devono invece comprare e pagare.

La protesta riguarda anche le umilianti ispezioni corporali cui sono sottoposte prima di trasferimenti e visite, e gli insulti da parte di guardie e carcerieri. E’ stato inoltre riferito che alle detenute è stato vietato di partecipare insieme all’Iftar, il pasto che rompe il digiuno quotidiano.

La protesta delle donne avviene in contemporanea con l’inizio degli incontri tra l’amministrazione delle prigioni israeliane e i prigionieri palestinesi, che avevano intrapreso lo sciopero della fame di 40 giorni per l'attuazione dell’accordo che aveva posto fine allo sciopero nelle carceri Hadarim e Ashkelon. Tra le richieste anche alcune misure riguardanti le detenute – tra cui l’accesso a materiali di artigianato e la fine dei trasferimenti abusivi e dei maltrattamenti. Tuttavia, le madri di diverse detenute, tra cui Shatila Abu Ayyad e Nurhan Awad, hanno riferito che le loro figlie hanno visto solo peggioramenti della loro condizione, probabilmente come rappresaglia per lo sciopero.

Anche il responsabile della “Commissione per i prigionieri”, Issa Qaraque, ha confermato gli abusi nei confronti delle prigioniere, e la continuazione delle perquisizioni da parte di militari maschi anziché da donne come richiesto.

Circa gli incontri per l’implementazione degli accordi, Issa Qaraque ha detto che fin’ora si è tenuto un incontro, il cui esito al momento non è noto, aggiungendo che qualora non vi fossero risposte da parte della amministrazione israeliana, i prigionieri sono pronti a riprendere lo sciopero.

(Commissione per i prigionieri palestinesi e http://www.maannews.com/Content.aspx?id=777519)

[1] Attualmente le detenute sono 56 donne, tra cui 13 ragazze minori

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.