Home Immigrazione Immigrazione Il CNCA prende posizione sul protocollo Minniti: anche noi siamo con Medici Senza Frontiere
Il CNCA prende posizione sul protocollo Minniti: anche noi siamo con Medici Senza Frontiere PDF Stampa E-mail
Scritto da Coordinamento Nazionale Comunità Accoglienza   
Martedì 08 Agosto 2017 11:52

Armando Zappolini presidente CNCA e Stefano Trovato responsabile immigrazione CNCA prendono posizione sulla questione della firma del protocollo governativo per le Ong che prestano soccorso in mare: "Vogliamo schierarci ancora una volta pubblicamente dalla parte di MSF e delle Ong che stanno lavorando nel Mediterraneo per salvare quante più vite di migranti che sono costretti ad arrivare in Europa con mezzi di fortuna.

Fa bene MSF a rifiutare il protocollo del Governo sulla gestione dei salvataggi in mare. Questo atteggiamento del Governo non fa che aumentare i problemi.

A nessuno è chiaro il reale motivo per cui sulle navi che salvano i migranti ci debbano essere delle forze di polizia. Così si militarizza anche l'aiuto umanitario.

La stessa inchiesta che ha portato al sequestro dell'imbarcazione Iuventa, di una Ong tedesca, grazie al dossier di Famiglia Cristiana sembra mostrare dei contorni al quanto ambigui.

Non si possono scaricare sulle organizzazioni della società civile i problemi creati da anni di errori dei governi occidentali in Africa, a svantaggio di quelle popolazioni, e politiche di immigrazione inutili e controproducenti come la nostra Bossi-Fini.

La stessa scelta del Governo per un impegno militare in acque libiche appare come un film già visto e la collaborazione nel respingere i migranti verso la Libia è un atto contro l'umanità. Tutti sanno, Governo compreso, che in Libia non esistono i diritti umani e che i campi di accoglienza sono dei lager dove le persone subiscono violenze di ogni tipo".

 

Link: http://www.aadp.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2812

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.