Home Immigrazione Immigrazione Posizione della Rete Sostenibilita` e Salute sul decreto migrazione e sicurezza
Posizione della Rete Sostenibilita` e Salute sul decreto migrazione e sicurezza PDF Stampa E-mail
Scritto da Rete Sostenibilità e Salute   
Sabato 27 Ottobre 2018 08:58

Qui di seguito potete leggere la nostra posizione sul Decreto Migrazione e sicurezza. E' frutto di una attenta disamina, seguita da una discussione all'interno della Rete Sostenibilità e Salute.

Il testo del decreto migrazione e sicurezza è passato al vaglio del Presidente della Repubblica, che l’ha firmato con una nota per il Presidente del Consiglio relativa ad alcuni dubbi di costituzionalità, e passa ora al Parlamento per eventuali emendamenti e approvazione finale. La Rete Sostenibilità e Salute (RSS, https://www.sostenibilitaesalute.org/) ha preso in esame il testo del decreto approvato dal Consiglio dei Ministri (https://www.startmag.it/mondo/testo- decreto-sicurezza-immigrazione/) e ha elaborato le seguenti considerazioni.

  1. In generale, sostituire l’accoglienza con la criminalizzazione causa di per sé un danno alla salute, perché aumenta la sofferenza, ostacola l’integrazione e marginalizza persone che, in maggioranza, soffrono già per un grado di vulnerabilità fisica e mentale superiore alla media.

  2. Abolendo la protezione umanitaria, restringendo l’iscrizione alle anagrafi comunali e rendendo più difficile l’acquisizione e il mantenimento della cittadinanza, il decreto aumenterà probabilmente il numero di migranti e richiedenti asilo in posizione irregolare. Per queste persone sarà non solo più arduo il controllo da parte delle istituzioni preposte allo scopo, ma diminuirà anche l’accesso al sistema e ai servizi sanitari, con potenziali rischi per la loro salute e per quella dell’intera collettività. Assicurare l’accesso al sistema e ai servizi sanitari ai casi speciali o di eccezionale gravità non è sufficiente; per essere pienamente efficace, l’accesso dev’essere universale, come prevede tra l’altro la Costituzione.

  3. Spostare una proporzione, non ancora definita ma presumibilmente grande, di richiedenti asilo dal sistema SPRAR a veri e propri centri di detenzione, quali saranno i CPR, potrebbe pregiudicare la salute di queste persone. Da un lato perché, invece di offrire accesso continuativo ai servizi sanitari del territorio, si offrirà loro assistenza, presumibilmente periodica e inadeguata, all’interno dei CPR stessi. Dall’altro perché stare rinchiusi in un centro di detenzione per mesi (il decreto raddoppia da 90 a 180 giorni la permanenza massima) costituisce di per sé un rischio aggiuntivo per la salute sia fisica che mentale. Ciò è tanto più grave se si pensa che una percentuale di queste persone arriverà a questi centri con problemi pregressi anche gravi (ad esempio, esiti di tortura in patria e di abusi e malversazioni durante l’esodo verso un paese di accoglienza).

Per questi motivi, la RSS fa appello ai parlamentari di tutti i partiti perché si impegnino a emendare il testo del decreto in direzione di un completo accesso al sistema e ai servizi sanitari di cui godono tutti i cittadini, senza eccezioni. In caso di mancato emendamento nella direzione auspicata, la RSS esprime fin da adesso la sua opposizione al decreto Rete Sostenibilità e Salute: chi siamo?

Siamo un insieme di associazioni che da anni si impegnano in maniera critica per proteggere, promuovere e tutelare la salute. Ogni associazione ha la sua storia e le sue specificità, ma siamo accomunati da una visione complessiva della salute e della sostenibilità.

Associazione Medici per l’Ambiente – ISDE Italia Associazione per la Decrescita Fondazione per la Salutogenesi ONLUS*

Associazione Scientifica Andria

Centro Salute Internazionale-Università di Bologna

Giù le Mani dai Bambini ONLUS

Medicina Democratica ONLUS

Movimento per la Decrescita Felice

NoGrazie
Osservatorio e Metodi per la Salute, Università di Milano-Bicocca

People’s Health Movement

Psichiatria Democratica

Rete Arte e Medicina

Rete Mediterranea per l’Umanizzazione della Medicina Slow Food Italia

Slow Medicine

SIMP Società Italiana di Medicina Psicosomatica Italia che cambia

Vivere sostenibile Federspecializzandi

Sportello Ti Ascolto – Rete di Psicoterapia sociale AsSIS – Associazione di studi e informazione sulla salute

Media relation Rete Sostenibilità e Salute

Portavoce: Jean-Louis Aillon - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Sito: www.sostenibilitaesalute.org

- Pagina Facebook: Rete Sostenibilità e Salute

- Video: La rete Sostenibilità e Salute; La Carta di Bologna (spot), Presentazione della Carta di Bologna

Bologna, 23 Ottobre 2018

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.