Fondazione Neno Zanchetta

Home Articoli Documenti Appello: La Casa di Accoglienza di via Godola ha bisogno di volontari per riaprire
Appello: La Casa di Accoglienza di via Godola ha bisogno di volontari per riaprire PDF Stampa E-mail
Scritto da AVAA, Associazione Volontari Ascolto Accoglienza (AVAA)   
Sabato 14 Settembre 2019 18:49

Dopo la pausa estiva, ci avviamo a riaprire la Casa di Accoglienza, anche se quest'anno la data di riapertura è quanto mai incerta.

La Casa di Accoglienza offre, a chi vive per strada - a prescindere dalla nazionalità, dalla fede religiosa e dal genere - la possibilità di un breve ristoro: un letto, una doccia, una tavola, una mano tesa, un incontro con persone non ostili.

A chi presta loro assistenza, offre la possibilità di sperimentare l'incontro e la conoscenza dell'altro: non una dichiarazione astratta di solidarietà, ma un luogo dove la diffidenza e il pregiudizio si sgretolano lentamente in una pratica concreta.

Quando guardi negli occhi una donna, un uomo che è in gravi difficoltà, che sta molto peggio di te, non lo vivi più come nemico, non ne hai più paura, scopri che è solo una persona tragicamente ferita dalla vita. Non è cosa da poco, nel clima culturale di intolleranza che stiamo vivendo.

Chi voglia conoscere la realtà della Casa di Accoglienza, può consultare, sul sito dell'Accademia Apuana della Pace, la documentazione relativa all'attività svolta di cui in calce riportiamo i link, anche se forse il modo migliore è parlare con uno dei tanti volontari che, ormai dal 1985, assicurano l'esistenza di questo luogo di incontro.

La Casa di Accoglienza funziona solo grazie all'attività dei volontari che vi prestano servizio, sperimentando partecipazione e protagonismo solidale e offrendo una testimonianza importante.

La Casa di Accoglienza è aperta dal lunedì al venerdì. I volontari della casa prestano il loro servizio ogni quindici giorni, o nel turno serale (19.00 – 21.00), in cui si fa l'accoglienza e si prepara la cena, o in quello notturno (21.00 – 07.30), in cui i volontari dormono nella stanza loro riservata e preparano la colazione. Il turno serale è formato da tre o più persone, quello notturno da due: non si è mai da soli.

Tra la chiusura di luglio e la riapertura a settembre, ogni anno alcuni volontari manifestano la necessità di interrompere il servizio: perché sono cambiate situazioni personali, perché sono intervenuti eventi nuovi, perché la vita chiede loro di investire le energie in altri ambiti. E' un fenomeno comprensibile e ineludibile.

Quest'anno, dopo la chiusura estiva, stiamo registrando una diminuzione significativa dei volontari per cui siamo costretti a procrastinare l'apertura della Casa; per questo facciamo appello alla sensibilità di quanti vogliano vivere una esperienza di solidarietà a provare a fare volontariato presso la nostra struttura.

Per poter coprire i turni che ci permettano la riapertura della struttura abbiamo bisogno di almeno tre persone per il turno serale e altrettante per il turno notturno.

Chiunque voglia provare a fare questa esperienza, aggiungendosi ai tanti volontari che assicurano questo servizio, è pregato di contattare Gino al 339-5829566, o Stella al 347-0909769, oppure di inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Materiale informativo sull'esperienza della Casa di Accoglienza, tra cui anche i report che annualmente pubblichiamo, sono reperibili nel sito dell'Accademia Apuana della Pace alle pagina web:



 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.