Home Pace Cultura di pace Cosa fare per la pace?
Cosa fare per la pace? PDF Stampa E-mail
Scritto da Umberto Franchi   
Lunedì 20 Gennaio 2020 17:05

Sintesi dell’intervento svolto a Lucca all’Assemblea per la Pace

PRIMA CONSIDERAZIONE :

- La politica imperialista degli USA viene da lontano... chi non ricorda la prima guerra del Golfo sviluppata dagli Stati Uniti e soprattutto l seconda guerra fatta sempre dagli USA in IRAQ nel 2003 ?

- Probabilmente molti di coloro che sono quì presenti stasera, conservano ancora la bandiera della pace affissa a suo tempo in ogni terrazzo... ma nonostante in Italia e nel Mondo ci siano state 120 milioni di persone che hanno protestato e manifestato per la pace , sappiamo come è andata a finire : gli USA hanno inventato le armi di sterminio chimiche inesistenti e sterminato a son di bombe l’esercito Iracheno, ucciso il suo Presidente ... ed oggi sono ancora la per accaparrarsi le loro risorse...

SECONDA CONSIDERAZIONE:

- Come mai? Quali sono i motivi della sconfitta del pacifismo ? La risposta sta nel fatto che , il PRIMO MOTIVO: gli USA fanno una politica di Potenza Imperialista per accaparrarsi le risorse , soprattutto, energetiche dei Paesi Asiatici del Medio oriente ed in Africa...;

- Ma il SECONDO MOTIVO , sta nel fatto che gli USA hanno una economia militare fondata sulla produzione delle armi e le guerre sono funzionali allo sviluppo della loro economia;

- Oggi Gli Stati Uniti spendono 680 miliardi di dollari l’anno per gli armamenti, La Russia 50 miliardi la Cina circa 100 miliardi.. una differenza enorme... Quindi gli “Americani” fomentano le guerre come successivamente è avvenuto con l’aggressione imperialista nel 2011 alla Libia che oggi ha sfociato in una guerra civile, la guerra per procura contro la Siria ed il suo Presidente, la guerra per procura allo Yemen, il sostegno ad Israele contro i Palestinesi, ecc... ;

TERZA CONSIDERAZIONE :

- La situazione odierna con Trump al potere in USA , non è pericolosa solo per quello che ha fatto in IRAN , comportandosi da terrorista ed uccidendo il generale Solimani, è ancor più pericolosa che ai tempi della guerra in Iraq ed in Libia perché ha cancellato l’accordo sul nucleare stipulato nel 1986 la ex Unione Sovietica; perché ha disdetto l’accordo sul nucleare con l’Iran imponendo un embargo che colpisce anche l’Italia e tutti i Paesi Occidentali che commerciano con l’IRAN; perché assieme a Bolsonaro , ha disdetto tutti gli accordi presi sul clima ;

- Oggi gli USA , hanno messo in fabbricazione l’arma atomica tattica, che se lanciata nelle guerre da lei fomentate , uccidono “solo” 30.000 persone per volta... Gli USA sono presenti in 149 Paesi del Mondo (70%) del Pianeta; in Italia sono presenti con 86 postazioni militari; con 6 grandi base piene di armi anche atomiche, con 12.000 soldati, con Camp Darby di Tombolo che è la più grande base logistica del mondo (fuori dagli USA);

QUARTA CONSIDERAZIONE :

- DOBBIAMO FARCI QUESTA DOMANDA : se la situazione è quella sopra descritta , è sufficiente continuare a protestare e manifestare per la pace come abbiamo fatto nel passato ?

- A mio parere NO ! Non dimentichiamo che alla caduta del Muro di Berlino ed al successivo scioglimento del “Patto di Varsavia” ex Blocco Sovietico, non è seguito lo scioglimento del Blocco “NATO” Alleanza Atlantica... anzi gli USA hanno allargato l’adesione alla Nato ad altri Paesi tra cui quasi tutti quelli ex comunisti che facevano parte del “Patto di Varsavia” .. questo è avvenuto soprattutto in chiave anto Russa ed anti Cinese;

- Occorre allora fare un salto di qualità nelle manifestazioni di Pace ... porci degli obiettivi precisi . Occorre:

a) Impedire che dall’Italia partono armamenti e guerre USA nei confronti di altri Paesi e quindi fare come i portuali di Genova bloccare ogni nave che con armi nella stiva ... e questo va fatto soprattutto alla basa USA di Camp Darby , dove invece, hanno abbattuto 900 alberi, e la stanno ampliando con la costruzione di una nuova ferrovia che a Tombolo parta al porto d Livorno ;

b) Occorre chiudere tutte le basi militari USA in Italia e rimandare nell proprio Paese i militari “americani”... tra l'altro utilizzano le basi Usa in contrasto con l'art. 3 del Trattato Nato, che afferma l'uso solo I nell'ambito di operazioni militari Nato;

c) È necessario bloccare l’acquisto degli arei F35 ;

d) occorre che il governo richiami tutti i nostri militari dislocato in IRAQ come hanno chiesto i giovani che lottano mina Iraq ed anche il parlamento ed il governo Iracheno;

e) Occorre , lottare perché chi governa prenda una decisione politica come quella dell’uscita della Nato dall’Italia e l’uscita dell’Italia dalla Nato;

Ecco credo che su questi punti la CGIL, l’Anpi, l’Arci, ma soprattutto la CGIL abbiano le capacità organizzative in grado di mobilitare le persone ed è su questi punti che penso sia indispensabile rilanciare un vero movimento pacifista in Italia e nel Mondo

Umberto Franchi

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.