Home Pace Cultura di pace Da Hiroshima 75 anni dopo
Da Hiroshima 75 anni dopo PDF Stampa E-mail
Scritto da Josep M. Abella, vescovo di Fukuoka in Giappone   
Sabato 08 Agosto 2020 19:28

Cari amici:

Sono a Hiroshima. Oggi è il 6 agosto. 75 anni fa, questo stesso giorno, una sola bomba eliminò la vita di migliaia di persone e lasciò inimmaginabili distruzioni in questa città. Ci siamo radunati qui i vescovi del Giappone in questo 75 ° anniversario della tragedia dello sgancio della bomba atomica sulla città di Hiroshima. Abbiamo pregato insieme e rinnovato il nostro impegno per la pace e il disarmo nucleare.

Dalla residenza dove sono contemplo questa mattina una parte della città e uno dei suoi numerosi canali. Penso che 75 anni fa, a quest'ora del mattino, molte persone vivessero l'angoscia di una guerra che si stava intensificando di giorno in giorno, forse preoccupate per la sorte di alcun membro della famiglia che stava combattendo in uno degli scenari di quella guerra disumana, come tutte le guerre. La maggior parte delle famiglie sarebbe a colazione, pronte per iniziare una nuova giornata, aspettando il giorno in cui avrebbero potuto vivere in pace.

Alle 8:15 del mattino, una terribile esplosione pose fine alla vita di molte di queste persone e segnò in modo indelebile la storia dell'umanità. La scienza aveva prodotto un'arma con una capacità distruttiva finora sconosciuta. L'assurdità della guerra aveva raggiunto limiti inimmaginabili. Tutto era stato subordinato a quella logica distruttiva della guerra che perde di vista la dignità delle persone e la sacralità della vita.

Sto osservando le strade, le case, uno dei canali della città di Hiroshima. Immagino cosa sia successo quel 6 agosto 1945. Coloro che non morirono immediatamente a causa dell'esplosione e delle radiazioni vagarono per una città distrutta alla ricerca di un posto dove rifugiarsi o ricevere aiuto. Le radiazioni avevano prodotto ustioni irresistibili e distrutto gli organi interni di quei corpi martirizzati dall'esplosione della bomba. Migliaia furono uccisi dalla bomba. Non c'era distinzione di età, ideologia, nazionalità, ecc. Le guerre si perdono sempre, anche i “vincitori” le perdono, perché l'unica cosa che generano è morte e desolazione. Oggi lo ricordiamo con profondo dolore e con estrema compunzione.

La nostra preghiera accoglie la speranza che queste situazioni non si verifichino più. La nostra preghiera esprime anche l'impegno a lavorare instancabilmente affinché la pace, il rispetto per la dignità di ogni persona e di ogni popolo e la cura del creato siano gli unici obiettivi che guidino il cammino di un'umanità, già stanca di tante guerre.

Abbiamo ascoltato prima della celebrazione dell'Eucaristia le parole di Papa Francesco durante la sua recente visita a Hiroshima, il 24 novembre dell'anno scorso. Ci siamo sentiti di nuovo sfidati e incoraggiati da Lui.

  • “L'uso dell'energia atomica a scopi di guerra è immorale, così come il possesso di armi atomiche è immorale. Saremo giudicati per questo.”

  • “Le nuove generazioni sorgeranno come giudici della nostra sconfitta se avremo parlato di pace, ma non l'abbiamo realizzata con le nostre azioni tra i popoli della terra. Come possiamo parlare di pace mentre costruiamo nuove formidabili armi da guerra? Come possiamo parlare di pace giustificando certe azioni spurie con discorsi di odio e discriminazione?”

  • E Francesco ha ricordato le parole di Papa Paolo VI: “In effetti, se vogliamo davvero costruire una società più giusta e sicura, dobbiamo lasciare che le armi cadano dalle nostre mani: Non è possibile amare con le armi offensive nelle nostre mani. (Paolo VI, Discorso alle Nazioni Unite, 4 ottobre 1965, 10).”

Oggi sarà utile rileggere i brevi ma sconvolgenti discorsi di Papa Francesco a Nagasaki e Hiroshima lo scorso novembre.

Meditando le parole di Papa Francesco, alle 8:15, ci siamo uniti al minuto di silenzio delle persone riunite nel parco della pace di Hiroshima (quest'anno in numero limitato a causa della crisi COVID-19) e tutto il resto del Giappone. In quel silenzio, le grida di coloro che sono morti a Hiroshima e quelli di coloro che continuano a morire nelle guerre che martirizzano ancora l'umanità, specialmente i più poveri, risuonano con forza.

La celebrazione dell'Eucaristia ha aperto i nostri cuori alla speranza: l'amore è più forte dell'odio, la vita più forte della morte. Perché lo crediamo, continuiamo a lottare per la giustizia e la pace senza mai perdere la speranza.

Ho percorso il sentiero dalla cattedrale alla stazione di Hiroshima con il vescovo di Saitama, un religioso salesiano. Abbiamo attraversato alcune strade e due dei numerosi canali che esistono in città. Abbiamo ricordato le molte persone che, martirizzate dalle radiazioni, cercarono inutilmente di trovare sollievo in questi fiumi e canali.

Visitare la città di Hiroshima oggi non ti lascia indifferente. Ritornando a casa, ho sentito il bisogno di rinnovare l'impegno a lavorare per la pace e la giustizia che la rende possibile. Questo piccolo scritto che condivido fa parte di questo sforzo.

Signore, dacci saggezza e coraggio per lavorare per la pace.

Hiroshima, 6 agosto 2020

Josep M. Abella,  vescovo di Fukuoka in Giappone

***

Fonte: Comunità di via Gaggio (Lecco)

Segnalato da Padre Angelo Cupini

***

Caro Angelo,

Grazie per tutte le comunicazioni. Sono sempre un sostegno nel cammino.

Sono contento di constatare la vitalità del vostro progetto. Vi accompagno con la mia preghiera e l'amicizia.

L'altro giorno sono stata a Hiroshima per la commemorazione del 75 anniversario de la bomba atomica sulla città. Ho condiviso con alcuni amici una piccola riflessione. La invio.

E' importante non perdere la memoria.

Avanti sempre con grande speranza.

Saluti a tutti gli amici.

Josep M. Abella

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.