Video formazione AAdP

Home Medio oriente Palestina Escalation nella Striscia di Gaza, Cisgiordania e Israele: Flash n. 6 del 16 maggio 2021 (a partire dalle 12:00)
Escalation nella Striscia di Gaza, Cisgiordania e Israele: Flash n. 6 del 16 maggio 2021 (a partire dalle 12:00) PDF Stampa E-mail
Scritto da OCHA Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari dei Territori Occupati Palestinesi   
Martedì 18 Maggio 2021 18:35

Le ostilità tra le forze israeliane e i gruppi armati a Gaza sono continuate e stanno provocando un aumento delle vittime. Tra il 10 maggio e le 12:00 del 16 maggio, 174 palestinesi sono stati uccisi a Gaza e 1.221 feriti, secondo il Ministero della Salute (MoH) a Gaza.

Le ostilità hanno anche provocato un significativo ulteriore sfollamento di palestinesi, con oltre 38.000 sfollati interni (IDP) che cercano protezione in 48 scuole dell'UNRWA in tutta Gaza. Oltre 2.500 persone sono rimaste senza casa a causa della distruzione delle loro case.

Le manifestazioni diffuse sono continuate in tutta la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est. Due palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane e un ragazzo è morto per le ferite riportate quattro giorni prima. 537 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri con le forze israeliane.

In Israele, finora sono morte dieci persone e centinaia sono rimaste ferite, sulla base dei dati ufficiali.

Riferendosi al deterioramento della situazione umanitaria a Gaza, il coordinatore umanitario, Lynn Hastings, ha fatto appello alle "autorità israeliane e ai gruppi armati palestinesi (a) consentire immediatamente alle Nazioni Unite e ai nostri partner umanitari di portare carburante, cibo e forniture mediche e schierare personale umanitario. Tutte le parti devono rispettare le leggi internazionali umanitarie e quelle sui diritti umani ".

Panoramica della situazione

Durante la notte, le forze israeliane hanno effettuato oltre 100 attacchi in più località della Striscia di Gaza, presumibilmente prendendo di mira gruppi armati e relative infrastrutture, edifici privati, residenziali e pubblici e le residenze di alti esponenti politici e militari di Hamas. I gruppi armati palestinesi hanno continuato a lanciare razzi e mortai contro Israele, anche nell'area metropolitana di Tel Aviv, molti dei quali intercettati dal sistema di difesa Iron Dome. Secondo le autorità israeliane, alcune delle vittime e dei danni a Gaza potrebbero essere il risultato di razzi palestinesi.

Alle 12:00 del 16 maggio, le autorità sanitarie di Gaza hanno segnalato 174 vittime, rispetto alle 139 nell'ultimo periodo di riferimento. Questi includono 48 bambini e 28 donne e lesioni a 1.221 persone, di cui 366 bambini e 253 donne, dall'inizio dell'escalation il 10 maggio. Tra le vittime vi sono residenti di case colpite senza preavviso di mattina presto, causando l'uccisione di 26 persone, tra cui 10 donne e otto bambini, e il ferimento di circa 50 persone, per lo più donne e bambini. Secondo quanto riferito, due alti funzionari medici a Gaza sarebbero tra le vittime.

Il bilancio potrebbe aumentare man mano che i soccorritori e le squadre mediche recuperano le vittime e cercano i sopravvissuti da sotto le macerie.

Gli scioperi di ieri hanno ulteriormente danneggiato le infrastrutture essenziali, comprese le strade che portano a due dei principali ospedali, provocando un ulteriore calo dell'accesso del pubblico ai servizi di base.

Secondo il Ministero dei lavori pubblici e dell'edilizia abitativa, dall'inizio dell'escalation sono stati distrutti 94 edifici, di cui 461 unità abitative e commerciali. Inoltre, 285 unità abitative sono state gravemente danneggiate e rese inabitabili, lasciando oltre 2.500 persone senza casa, secondo lo Shelter Cluster. Altre 162 strutture hanno subito gravi danni e 4.814 hanno subito danni minori.

La fornitura di energia elettrica in tutta Gaza si è ridotta in media a 6-8 ore al giorno, numerose linee di alimentazione non sono più funzionanti e la fornitura di assistenza sanitaria e altri servizi di base, tra cui acqua, igiene e servizi igienici (WASH).

Ieri le forze israeliane hanno distrutto la torre Al Jalaa in un'area densamente popolata nel centro di Gaza City, dopo aver dato un preavviso di circa un'ora; la distruzione è stata effettuata sulla base del fatto che la torre conteneva infrastrutture legate a gruppi armati. L'edificio ospitava uffici dei media, tra cui Associated Press e Al Jazeera, e un gran numero di residenze e centri commerciali, ed è il quarto edificio a più piani ad essere distrutto dagli scioperi israeliani dall'inizio dell'escalation.

L'Education Cluster riporta che 41 strutture educative, comprese scuole, due asili nido, un centro di formazione professionale dell'UNRWA, la direzione del MoE e una struttura di istruzione superiore sono state danneggiate dall'inizio dell'escalation.

A partire dal 15 maggio a mezzogiorno, quattro ospedali MoH, due ospedali ONG, due cliniche, un centro sanitario e una struttura appartenente alla Palestine Red Crescent Society (PRCS) hanno subito danni.

Le ostilità hanno anche portato a un aumento significativo del numero di sfollati interni (IDP). Secondo l'UNRWA, 38.000 persone sono presenti in 48 scuole dell'UNRWA, principalmente per scopi di protezione, rispetto alle 17.000 del precedente periodo di riferimento, con alcune che tornano a casa durante il giorno. Il governatorato di Khan Younis è stato testimone di grandi sfollamenti durante la notte, con sfollati interni e famiglie ospitanti che avevano bisogno di forniture urgenti di generi alimentari. Anche le infrastrutture WASH sono state gravemente colpite, comprese le reti di acque reflue, condutture, pozzi d'acqua e una stazione di pompaggio delle acque reflue. L'impianto di desalinizzazione dell'acqua di mare a nord di Gaza non è operativo per il sesto giorno consecutivo, il che mina l'accesso all'acqua potabile di circa 250.000 persone. Per il terzo giorno consecutivo, circa 230.000 persone di Gaza City e Khan Younis hanno un accesso limitato alle condutture dell'acqua, a causa delle crescenti interruzioni di corrente e delle reti danneggiate.

Nelle ultime 24 ore, 220 metri di rete fognaria sono stati distrutti a Gaza City, servendo circa 18.000 persone. L'area della discarica di Juhr Ad Dik è stata colpita mentre i dipendenti del comune vi lavoravano, provocando un infortunio e l'abbandono di attrezzature pesanti. Anche il più grande magazzino di pesticidi agricoli a Gaza è stato bombardato, con le autorità che valutano se i danni abbiano provocato l'inquinamento delle acque sotterranee nell'area e un impatto ambientale negativo.

Dal 10 maggio le autorità israeliane hanno tenuto chiusi i valichi di Erez e Kerem Shalom, anche per aiuti umanitari e personale. Tutta l'attività di pesca rimane vietata al largo della costa di Gaza. Il valico di Rafah con l'Egitto ha riaperto oggi per il movimento dei viaggiatori in Egitto dopo la festa musulmana di Eid al Fitr intanto. Anche il valico Salah Ad Din ha riaperto per la circolazione delle merci.

Secondo fonti israeliane, tra il 10 maggio e le 14:30 del 15 maggio, gruppi armati palestinesi a Gaza hanno lanciato più di 2.300 razzi e altri proiettili contro Israele. Ad oggi, dieci persone in Israele, compreso un soldato, sono state uccise e centinaia sono rimaste ferite.

Nel pomeriggio e sera del 15 maggio, in diverse località della Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, sono scoppiate manifestazioni e scontri diffusi tra palestinesi e forze israeliane in commemorazione del Nakba Day. Due palestinesi sono stati colpiti e uccisi dalle forze israeliane: uno a Tulkarm e un altro dopo aver presumibilmente tentato di effettuare un attacco di speronamento a un checkpoint vicino al campo profughi di Al Fawwar. Un altro ragazzo è morto in seguito alle ferite subite quattro giorni prima a Hebron. La pesante presenza militare israeliana e gli attacchi dei coloni israeliani sono stati segnalati in tutta la Cisgiordania, compresa Gerusalemme est. Il periodo di riferimento ha registrato circa 537 feriti palestinesi in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, portando il totale dei feriti confermati dal 10 maggio a 4.273, oltre a 17 morti.

Il ministero dell'Istruzione ha annunciato la chiusura delle scuole in Cisgiordania per due giorni (16-17 maggio), per impedire agli studenti di riunirsi per le manifestazioni. I palestinesi continuano a protestare contro le ostilità in corso a Gaza e l'imminente sgombero dei palestinesi dall'area di Al Jaouni di Sheikh Jarrah, dove sono scoppiati scontri dopo che le forze israeliane hanno aggredito fisicamente le donne palestinesi durante le proteste.

In tutta la Cisgiordania, la PRCS - PalestineRCS medical teams- ha curato persone ferite con gas lacrimogeni e proiettili di gomma e ha trasferito i casi più gravi agli ospedali per essere curati.

In Israele, la violenza intercomunitaria continua.

Legge internazionale

Il 15 maggio, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha dichiarato di essere "profondamente turbata dall'utilizzo di armi da parte delle forze di sicurezza israeliane nel contesto di proteste e scontri in Cisgiordania, che hanno provocato la morte di 10 palestinesi solo il 14 maggio. Qualsiasi uso della forza da parte delle ISF in Cisgiordania deve aderire ai Principi di base sull'uso della forza e delle armi da fuoco da parte delle forze dell'ordine, che stabiliscono in particolare che le armi da fuoco possono essere utilizzate solo contro individui che rappresentano una minaccia imminente alla vita o di lesioni gravi e solo come ultima risorsa. In una situazione di occupazione, il ricorso ingiustificato e illegale alle armi da fuoco da parte delle forze dell'ordine può costituire un crimine di guerra ".

Risposta umanitaria e bisogni continui Protezione

Cisgiordania e Gerusalemme est: i partner del gruppo di lavoro stanno monitorando e documentando sospette violazioni e fornendo assistenza legale e servizi di protezione dei bambini, nonché servizi di supporto mentale e psicosociale (MHPSS). Ventisei bambini sono stati arrestati la scorsa settimana, tutti hanno ricevuto consulenza legale prima del loro interrogatorio.
Dal 5 aprile, 50 difensori dei diritti umani, tra cui sette donne, sono stati arrestati mentre partecipavano a proteste pacifiche, la maggioranza a Sheikh Jarrah. Tutti ricevono consulenza legale prima del loro interrogatorio.

Continuano le restrizioni israeliane nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, secondo quanto riferito, attuate in modo discriminatorio. Sono stati segnalati anche gruppi di coloni israeliani che attaccano palestinesi a Sheikh Jarrah, facendo uso di munizioni vere. Desta costante preoccupazione l'ampio uso di munizioni vere da parte delle forze israeliane nei confronti dei manifestanti, anche dentro e intorno ai campi profughi palestinesi. Dal 10 maggio, in Cisgiordania, le forze israeliane hanno ucciso 17 palestinesi, compresi 2 bambini.

Gaza: il gruppo di lavoro continua a valutare l'impatto sui gruppi vulnerabili, monitorando, documentando e segnalando le violazioni del diritto internazionale. In tutta Gaza, i partner stanno supportando la fornitura di dispositivi di assistenza, sessioni di riabilitazione fisica e pronto soccorso psicosociale per i bisognosi. I partner stanno preparando kit per la salute di donne e ragazze, includendo anche messaggi chiave sulla protezione contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale (PSEA). La consulenza psicosociale a distanza tramite hotline e telefoni cellulari e la messaggistica di sensibilizzazione al rischio di Explosive Remnants of War (ERW) attraverso piattaforme online e social media continuano, così come le informazioni online e l'educazione sui rischi di emergenza per i membri della comunità, compresi i genitori / tutori sulla gestione dello stress e cura dei bambini durante le emergenze.

Salute

Cisgiordania e Gerusalemme est: mentre le proteste e gli scontri continuano in tutta la Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, i partner del cluster e i volontari della comunità continuano a trattare un numero considerevole di feriti. Vi è una crescente preoccupazione per il numero di feriti da munizioni vere, poiché minaccia ulteriormente la sicurezza del personale medico che tenta di raggiungere coloro che necessitano di servizi medici.

Gaza: Mentre l'aumento delle vittime continua a crescere, i partner stanno gestendo i feriti e coloro che necessitano di salute mentale e supporto psicosociale a distanza. A seguito di gravi ferite e della pandemia COVID-19, l'occupazione degli ospedali in terapia intensiva è attualmente al 43% e si prevede che aumenterà con il proseguimento dei bombardamenti su Gaza. Sei ospedali e tre cliniche sono stati parzialmente danneggiati, mentre una clinica è stata completamente distrutta.

Si stima che 2.500 donne partoriranno nella prossima settimana in tutta la Palestina (1.000 a Gaza e 1.500 in Cisgiordania). La crisi in corso sta influenzando la capacità delle donne di partorire in sicurezza a causa di danni alle strutture sanitarie, inaccessibilità fisica, attacchi aerei (Gaza) e posti di blocco (Cisgiordania). È essenziale garantire la continuazione dei servizi salvavita come il parto sicuro e l'assistenza essenziale ai neonati al fine di prevenire la mortalità materna e neonatale. Sono in corso valutazioni per valutare l'impatto e le esigenze di emergenza, ma richiedono un aggiornamento quotidiano a causa delle ostilità in corso.

Riparo

Gaza: secondo il Ministero dei lavori pubblici e dell'edilizia abitativa, il bombardamento ha provocato la totale distruzione di 94 edifici, di cui 461 unità abitative e strutture commerciali, oltre a 285 unità abitative con gravi danni (inabitabili), 162 con danni maggiori e 4.814 con danni minori.

I partner stanno cercando di effettuare valutazioni dettagliate dei danni e sostenere la riparazione delle case con gravi danni, dando priorità ai gruppi vulnerabili. Secondo l'UNRWA, a partire da questa mattina, almeno 37.000 persone hanno cercato rifugio in 48 scuole dell'UNRWA, compresi 23 rifugi designati di emergenza (DES), ancora non ufficialmente aperti in quanto tali. I partner dei rifugi e il Ministero dello sviluppo sociale (MoSD) hanno già iniziato a supportare alcune famiglie di sfollati interni con articoli non alimentari, sebbene le esigenze siano in costante aumento. A causa dei danni alle linee elettriche e della carenza di carburante, la fornitura di energia in tutta Gaza è stata ridotta in media a sei-otto ore al giorno e in alcune zone a meno di quattro ore.

Acqua, servizi igienico-sanitari e igiene (WASH)

Gaza: le infrastrutture WASH sono state gravemente colpite, comprese le reti idriche e delle acque reflue, 15 pozzi d'acqua, una discarica e diverse attrezzature e macchinari a causa di danni, mancanza di energia elettrica e difficoltà di accesso. Il fornitore di servizi e i comuni stanno attualmente effettuando alcune riparazioni urgenti. Alcuni lavoratori sono rimasti feriti mentre operavano o effettuavano riparazioni, richiedendo il supporto del CICR per salvarli. L'impianto di desalinizzazione dell'acqua di mare a nord di Gaza non è ancora operativo e interessa circa 250.000 persone. A Beit-Lahia, le acque reflue e i rifiuti solidi si stanno accumulando nelle strade. 230.000 persone da Gaza City e Khan Younis sono ancora per il quinto giorno consecutivo con un accesso limitato alle condutture dell'acqua, a causa dell'aumento delle interruzioni di corrente e dei danni alle reti. I danni alle reti fognarie stanno provocando flussi di acque reflue nelle strade in varie aree, tra cui Beit Lahia, Gaza City e Khan Younis, e non sono ancora state effettuate riparazioni sostanziali. Il comune di Gaza ha fatto appello per sostenere la fornitura di servizi municipali che sono stati interrotti come la gestione dei rifiuti solidi, le reti idriche e igieniche. In generale, c'è una riduzione fino al cinquanta per cento nei servizi WASH, con almeno 600.000 persone gravemente colpite. Il più grande deposito di pesticidi agricoli nella Striscia di Gaza è stato colpito da uno sciopero e le autorità stanno valutando qualsiasi fuoriuscita di sostanze chimiche e l'impatto ambientale.

Formazione scolastica

Cisgiordania e Gerusalemme est: il ministero dell'Istruzione (MoE) ha annunciato la chiusura delle scuole in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, per il 16 e 17 maggio. Gli studenti parteciperanno all'apprendimento a distanza per questi due giorni. I partner stanno aumentando i servizi di salute mentale e il sostegno psicosociale (MPHSS) e il monitoraggio delle violazioni legate all'istruzione.

Gaza: Finora sono state colpite circa 41 strutture educative, tra cui due asili nido, scuole, un centro di formazione professionale dell'UNRWA, un edificio della direzione del MoE e una struttura di istruzione superiore dall'inizio dell'escalation, con rapporti che indicano che un numero era colpito direttamente da attacchi aerei o proiettili di carri armati. Secondo quanto riferito, 41 scuole dell'UNRWA sono state utilizzate come rifugi temporanei dagli sfollati. Tutte le scuole sono chiuse e la formazione a distanza non è ancora attivata. A partire da oggi, con la fine della festa dell'Eid al Fitr, circa 600.000 studenti perderanno ore di istruzione I partner stanno aumentando gli interventi MHPSS a distanza, la consegna di forniture educative di emergenza ai bambini sfollati e inizieranno la mobilitazione delle risorse per riabilitare le strutture scolastiche danneggiate.

Sicurezza del cibo

Gaza: vaste aree agricole e varie strutture agricole come fattorie, serre, pozzi d'acqua, sono state danneggiate o interrotte, riducendo la produzione agricola. La situazione verrà valutata non appena la situazione lo consentirà. La chiusura del valico di Kerem Shalom ha ridotto la disponibilità di foraggio animale sul mercato e le scorte sono quasi esaurite, secondo il Ministero dell'Agricoltura (MoA). Sebbene siano necessarie 600 tonnellate per nutrire quotidianamente il pollame e il bestiame, il foraggio di proprietà privata per alcuni giorni viene immagazzinato a Kerem Shalom e pronto per essere importato. Il MoA avverte che questa situazione ha un impatto diretto sulla sicurezza alimentare di 17.000 famiglie di pastori (85.000 persone) e rischia di interrompere la principale fonte di proteine della popolazione di Gaza. Il Programma alimentare mondiale (WFP) sta monitorando i prezzi e la disponibilità delle merci sui mercati. Il prezzo dei prodotti alimentari di base è rimasto stabile e la maggior parte dei negozi ha scorte in magazzino per due mesi. La necessità di cibo e supporto in denaro è in continuo aumento e i partner forniscono assistenza immediata ad almeno 51.546 persone tramite buoni pasto. I partner continuano a valutare i bisogni alimentari degli sfollati.

Per ulteriori informazioni: https://www.ochaopt.org/content/escalation-gaza-strip-west-bank-and-israel-flash-update-6-12-00-16-may-2021

La traduzione della Newsletter dell'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari dei Territori Occupati Palestinesi (OCHA) è stata curata dalla Tavola della Pace

 

Non ci dimentichiamo




Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.