Governo di cambiamento o governo di restaurazione liberista? Cos’è il contratto firmato tra lega e m5s? Stampa
Scritto da Umberto Franchi   
Sabato 02 Giugno 2018 17:16

La Lega che da oggi è al potere, ha governato oltre 9 anni con Berlusconi, ha votato ogni provvedimento di legge liberista tra cui la “legge Biagi” prima causa dello sfacelo del precariato, ha favorito la finanza ed anche l’Europa dei mercanti, che oggi fa finta di criticare.

Purtroppo nonostante la lega sia stata a lungo al potere assieme a Berlusconi, portando l’Italia al disastro attuale , viene percepita come quella che vuole fare prima di tutti gli interessi degli italiani e non come responsabile della crisi attuale (sic).

Ma se Salvini ha trasformato la Lega da partito secessionista del Nord a partito Nazionalista Reazionario come il Front National di Le Pen,o come Casapound, riuscendo a passare dal 4% del 2013 all’attuale 17%, diventando il capo della Coalizione di Centro-destra, andando al governo con 5S, è anche perché il PD ha fatto pure lui politiche economiche e sociali di destra, dando spazio alla destra più reazionaria.

Ora, occorre domandarci: che cosa è il “contratto” di governo con il M5S? Faranno la battaglia contro i vincoli Europei? Ci sono politiche per il Popolo? No, niente di tutto questo… Innanzi tutto dobbiamo rilevare che Salvini e D Maio, si sono piegati ai vincoli della UE che tra l’altro prevede il Fiscal Compact con un deficit di bilancio che entro 20 anni dovrà essere portato al 60% con un taglio di 50 miliardi l’anno… inoltre Salvini e Di Maio, hanno accettato tutte l’alleanza con la Nato e quindi con gli USA, come strategica… ed essa comporterà un incremento notevole della spesa militare fino all’1,5% del PIL …CON IL NUOVO GOVERNO NON INIZIA IL CAMBIAMENTO MA LA RESTAURAZIONE LIBERISTA!

Ma cosa sta scritto nel “contratto” DI GOVERNO firmato da Di Maio e Salvini?

C’è Qualche cosa che può fare tirare un sospiro di sollievo agli elettori di Sinistra, che non potendone più, hanno votato M5S ?

C’È SCRITTO QUESTO:

  1. La FLAT TAX : è la misura politicamente più importante e pesante del dell’accordo M5S Lega, essa prevede una revisione draconiana delle tasse, sia alle persone che alle imprese ,con due scaglioni :uno al 15%, fino ad 80.000 euro l’anno, l’altro al 20% a fronte dell’attuale 43%, per i ricchi che percepiscono oltre 80.000 euro l’anno, fino a milioni di euro l’anno, si vedranno ridurre le tasse di circa il 60% con un incremento pazzesco dei loro redditi e profitti, con un taglio di entrate per lo Stato di circa 96 miliardi di euro… Dove prenderà lo Stato i soldi che gli mancano ma che gli servono per fare funzionare i servizi e lo stato sociale?

  2. NESSUNA TASSA SUI GRANDI PATRIMONI : Ai ricchi, Non verrà imposta nessuna tassa sui grandi patrimoni e sui redditi da speculazione finanziaria …, non solo ma c’è scritto anche che aboliranno i controlli fiscali alle piccole imprese ed ai lavoratori autonomi, legalizzando di fatto l’evasione fiscale… sono andati molto oltre le aspettative di Berlusconi e quanto previsto nel programma di centrodestra sterzando a destra…, per cui Non è difficile da immaginare dove prenderanno i soldi che con la flat tax regalano ai ricchi… aprendo una enorme falla nei conti pubblici…Verranno sicuramente presi tagliando i servizi pubblici e lo stato sociale a partire dalla sanità;

  3. PACE FISCALE: Per le banche, per la finanza e le attività delle grande imprese, non vi sarà alcun controllo o limite nella loro attività… con uno sviluppo di un neoliberismo ancor più devastante di quello che abbiamo conosciuto fino ad ora… per cui non ci sarà più nessuno Berlusconi che potrà essere condannato per frode fiscale e tutto questo farà dell’Italia un vero Paradiso Fiscale. Tutto ciò contribuirà ad aumentare le disuguaglianze tra ceti medio bassi e quelli ricchi trasferendo ulteriori risorse dai poveri ai ricchi;

  4. POLITCHE DI INVESTIMENTO DELLO STATO : Non c’è nessun ruolo dello Stato in merito alle politiche di investimento nella conversione ecologica dell’economia, ne nelle infrastrutture e nemmeno negli investimenti innovativi tecnologici… In sostanza si continua con la deregolamentazione di ogni norma di legge, peggiorando rispetto alle politiche che hanno prodotto la crisi mondiale del 2007, senza nessun ruolo dello stato pensando che così siano le politiche liberiste che porteranno i padroni delle imprese a investire, ma in realtà ci sarà un’ulteriore peggioramento della situazione economica ed occupazionale, un peggioramento dello stato sciale, un impoverimento ulteriore di chi è già povero, ed un incremento della ricchezza abnorme di un 20% di popolazione già molto ricca;

  5. DIRITTI DEL LAVORO :Tutte le leggi fatte dal centrodestra Berlusconi/Bossi Salvini, che riguardano la precarietà del lavoro a partire dalla legge Biagi restano con 46 forme di lavoro sempre più precario; restano anche le leggi fatte dal governo Renzi a partire dal JOBS ACT e l’abolizione dell’art. 18;

  6. PREVENZIONE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO : Sulla prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro nel contratto non c’è scritto niente, mentre resta la depenalizzazione del Testo Unico sulla Sicurezza, legge fatta dal governo di centrodestra (Berlusconi/Salvini) , Legge che permette alle imprese che non rispettano le normative contrattuali e le leggi a tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro, con gli imprenditori che se non applicano le normative e leggi esistente in materia di prevenzione e la tutela di chi lavora, con la sicurezza sul lavoro, se la cavano con una multa invece della galera… mentre la strage dei morti sul lavoro continua e si aggrava !;

  7. TUTTO IL CAPITOLO SUI MIGRANTI E L’ORDINE PUBBLICO PREVEDE: Misure di legittima difesa con possibilità di dare il porto d’armi a tutti, con possibilità di sparare alle spalle dei ladruncoli senza rischiare un giorno d carcere, con la possibilità di punire con il carcere (non i ricchi) ma i ladruncoli “di polli” anche se hanno 14 anni, con l’espulsione di 500.000 immigrati economici oggi in Italia (su questo sono curioso di vedere come faranno visto che nessuno le rivorrà indietro)…, con la volontà di bloccare il flusso dei migranti, anche su questo voglio vedere come faranno visto che l’Italia è una penisola ed è impossibile pattugliare tutto il mare. In sostanza in tutto il programma c’è un governo che sarà forte con i deboli e debole con i forti…

  8. MA COSA C’È DI BUONO ALLORA NEL PROGRAMMA? :c’è La revisione della legge Fornero, anche se non è l’abolizione prevede però alcune misure che sono positive come quella sull’abbassa mento dell’età per andare in pensione, ma non c’è ad esempio il recupero di quanto la legge Fornero ha tolto ai pensionati che superavano le 1.500 euro lordi mensili (circa 100 euro mensili ) … ; c’è qualche cosa generica sulla “Buona Suola”.

  9. Il cavallo di battaglia del M5S “REDDITO DI CITTADINANZA”, Come Sostiene il nuovo Ministro delle Finanze Tria, è stato ridotto all’osso e per alcuni aspetti è peggiorativo rispetto a ciò che c’è già oggi. Esso prevede 780 euro mensili per due anni a chi è n povertà ed in cerca di lavoro perché rimasto disoccupato … bisogna ricordare che già oggi ai lavoratori disoccupati in cerca di un impiego gli vengono erogati con la legge chiamata Naspi, il 75% per chi quando era al lavoro guadagnava fino a 1.200 euro al mese per due anni, più un 25% per chi percepiva una differenza più alta di quella cifra… quindi le 780 euro saranno notevolmente inferiori a quello che percepivano con la Naspi la quale viene cancellata. L’importo calcolato è di circa 17. miliardi di Euro, ma non è molto diverso da quanto lo stato spende oggi sia per la Naspi che per il reddito di inclusione, che ovviamente verranno cancellati.

In realtà tutto il progetto politico del Movimento 5 Stelle, è stato rimosso AL SOLO FINE D RAGGIUNGERE IL POTERE indipendentemente dal tipo di programma ed alleanza, Di Maio ha rinunciato anche alla prerogativa di fare il primo Ministro pur di governare … inoltre l’impostazione “ ne di destra ne di Sinistra “ non individua gli interessi contrastanti tra le classi finendo per fare prevalere di gran lunga quelli delle classi agiate ed economicamente dominanti a grave danno delle classi subalterne… altro che Terza Repubblica …Credo che Giuseppe Conte se non si limiterà a fare “Il Cameriere di servizio in applicazione del “Contratto” … il governo finirà presto!

Per la sinistra non potrà più pensare che la soluzione sia opporsi in parlamento.. ma dovrà riuscire a mobilitare anche quei lavoratori che hanno votato M5S e Lega contro quello che questo governo ha detto di voler fare in termini di politiche liberiste e reazionari salvando quel poco di buone che c’è… una cosa non semplice ma senza alternative !

Umberto Franchi

Lucca, 2 giugno 2018