• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il rischio di una escalation militare in Ucraina è un fatto gravissimo che ancora una volta testimonia l'assenza di una governance internazionale in grado di gestire le controversie tra paesi. L’ONU nella sua forma attuale è impotente, per cui tutto viene rimandato al potenziale bellico dei singoli paesi o delle alleanze militari.

Constatiamo inoltre l'assoluta assenza dell'Europa, incapace di avere una posizione internazionale comune e soprattutto distinta dagli interessi rappresentati dalla NATO.

In questo scenario l'espansionismo russo da una parte e quello della NATO dall'altra non hanno istituzioni che possano arginarlo.

Gentile Sindaco dott. Persiani,

Nel giro di 24h abbiamo assistito a due eventi: il primo é un suo post nel quale, dopo l’incontro con Papa Francesco a Roma, esprime soddisfazione per quanto le ha detto il Papa facendo trapelare quasi un sostegno al suo lavoro e nello stesso post dichiara inoltre che sta lavorando per una città “più bella, vivibile e inclusiva”.

Nell’ambito del progetto della “Coperta della pace”, in occasione della Giornata della Memoria, verranno consegnati dei  libri sul tema della pace ad alcune scuole del territorio, partendo da quelle che già hanno avviato una collaborazione a questa iniziativa ( scuola dell’Infanzia di Forno, scuola elementare di Bergiola Foscalina, scuola Media P. Ferrari di Marina di Massa)

La giornata della memoria è forse l'occasione per riflettere sul suo significato.

Troppo spesso il nostro fare memoria è semplicemente un richiamo, un'abitudine... una sorta di fardello che ogni tanto apriamo.

Fare memoria significa interrogarsi sulla storia e sul passato per rigenerare un nuovo presente e per disegnare un futuro diverso.

Significa riconoscere i drammi e le contraddizioni del passato e su quelle agire affinché si costruiscano politiche che vadano nella direzione opposta.