• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ora che finalmente l'ONU è riuscito ad approvare una risoluzione relativa alla guerra che Israele ha iniziato contro il Libano ed una forza internazionale di "interposizione" si frapporrà tra Israele e Libano, credo che, a mente fredda, si possa fare alcune considerazioni.

La prima riguarda proprio l'ONU: se c'è un'istituzione che esce, ancora una volta, a pezzi da questa crisi è proprio l'ONU.
Il ritardo con il quale ha avviato la discussione, l'intreccio dei veti, nonché la difficoltà con la quale arrivare ad una condanna dell'intervento israeliano, così palesemente spropositato e assurdo, ha reso ancora più evidente l'impotenza di questo organismo e di come, troppo spesso, sia funzionale agli interessi dei paesi occidentali.

Dinanzi a bombardamenti sistematici su obiettivi civili e su infrastrutture (con l'obiettivo dichiarato di portare in dietro il Libano di 20 anni) da parte di Israele, l'ONU è rimasto assente, paralizzato: analoga cosa sarebbe successo nel caso di invasione da parte di un paese arabo?

Quali condizioni e garanzie irrinunciabili per una Forza d’Interposizione in Medio Oriente? (Alex Zanotelli)


Sembra essersi formato un consenso generale sull’opportunità/necessità che l’Italia partecipi alla Forza Internazionale di Interposizione in Libano. È indubbio che per arrestare la spirale di violenza che sempre più insanguina il Medio Oriente, e si estende pericolosamente al resto del mondo, sia più che mai necessario un impegno attivo della comunità internazionale, sotto la guida dell’Onu. L’esito di un tale impegno dipende tuttavia in modo determinante dalle condizioni in cui verrà attuato e condotto. Sembra più che mai necessario richiamare l’attenzione del Governo, del Parlamento e di tutti i cittadini su alcuni punti molto delicati.
Una prima considerazione doverosa è che la guerra in Libano ha occultato il problema palestinese. Non sembra accettabile, in particolare, che la comunità internazionale ignori completamente il fatto che Ministri e Parlamentari di un paese che dovrebbe essere sovrano siano stati sequestrati (ancora dabato 19 agosto il vice-premier, Nasser-as-Shaer), imprigionati, ed almeno in un caso anche torturati. In nessun altro Paese un simile intervento straniero potrebbe venire tollerato: perché nessuno reagisce nel caso di Israele? È inaccettabile il silenzio del Governo italiano.
Venendo alla costituzione di una Forza Internazionale di Interposizione, essa deve ubbidire ad alcune condizioni fondamentali ed elementari: è evidente che non possono farne parte militari di un paese che non sia rigorosamente equidistante tra i due belligeranti. L’Italia ha stipulato lo scorso anno un impegnativo Accordo di Cooperazione Militare con Israele, che inficia in modo sostanziale e irrimediabile la nostra equidistanza. Il Diritto Internazionale impone, come minimo, la preventiva sospensione di tale Accordo, i cui termini dettagliati devono assolutamente essere resi noti all’opinione pubblica.
È il caso di ricordare ancora che Israele ha partecipato a manovre militari della Nato svoltesi in Sardegna, nelle quali si saranno indubbiamente addestrati piloti ad altri militari israeliani, impegnati poi nella guerra in Libano. Da queste circostanze discende una ulteriore condizione: è necessaria una garanzia assoluta che il comando di questa Forza di Interposizione rimanga strettamente sotto il comando dell’Onu, e non possa essere trasferita in nessun momento alla Nato.
È assolutamente necessario, inoltre, che le spese della missione non gravino ulteriormente sul bilancio dello stato italiano, e in particolare non comportino riduzioni delle spese sociali, ma rientrino nel bilancio del Ministero della Difesa per le missioni militari italiane all’estero.
Queste sembrano condizioni fondamentali e irrinunciabili per la partecipazione del nostro paese.
Rimangono però altre riserve. Appare singolare e tutt’altro che neutrale il fatto che una Forza Internazionale di Interposizione venga schierata sul territorio di uno dei due Paesi belligeranti, quello attaccato, e non sul loro confine. Deve essere chiaro pertanto che, finché tale forza opererà in territorio libanese, essa deve essere soggetta alla sovranità libanese, e che non potrà in alcun modo essere incaricata del disarmo né dello scioglimento di Hezbollah. Queste condizioni operative esporranno comunque i militari che compongono questa forza ad agire nel caso in cui avvengano (reali o pretese) provocazioni: come potranno opporsi con la forza all’esercito israeliano, tutt’ora presente in territorio libanese? Non ci si facciano illusioni sulle regole d’ingaggio, che verranno decise dall’organismo che guiderà la missione, e non dal nostro Governo. Riteniamo giusto richiedere anche che il contingente militare sia affiancato da un congruo numero di volontari disarmati.
Deve infine risultare estremamente chiaro che questa Forza di Interposizione non potrà mai, e in alcun modo, essere coinvolta in una ripresa o in una estensione del conflitto. Così come deve essere escluso un suo impiego per proteggere le ditte italiane che si lanceranno nel lucroso business della ricostruzione del Libano.
É necessario fugare con molta chiarezza qualsiasi illusione che l’interposizione militare, anche nelle migliori condizioni, sia risolutiva per il conflitto in Medio Oriente, soprattutto per risolvere la fondamentale questione palestinese. Chi arresterà la distruzione delle case, delle coltivazioni e delle infrastrutture dei palestinesi, gli omicidi mirati (in palese violazione di qualsiasi norma giuridica)? Chiediamo pertanto che, prima di inviare un contingente italiano, il nostro Governo ponga con forza a livello internazionale l’esigenza irrinunciabile del dispiegamento di una forza internazionale di pace anche a Gaza e in Cisgiordania, a garanzia della sicurezza di Israele e come condizione per la creazione di uno Stato Palestinese.
Chiediamo che su queste questioni fondamentali vengano prese ufficialmente decisioni chiare, esplicite e trasparenti, e si esigano le dovute garanzie a livello internazionale.

Tratto dal Sito del Centro sereno Regis di Torino (Come valutare il ruolo delle Nazioni Unite )


Va da sé che respiriamo un po’ più facilmente dopo la notizia di un cessate il fuoco nel Libano, anche se le prospettive che esso possa costituire un argine definitivo alla violenza non sono favorevoli in questo momento. E dopo aver tremato per 34 giorni mentre le bombe cadevano e i missili prendevano il volo dobbiamo riconoscere che le Nazioni Unite, nonostante tutte le loro debolezze, svolgono tuttora un ruolo indispensabile in una vasta gamma di situazioni internazionali di conflitto. È degno di nota che, in questo caso, nonostante il malcontento di Israele nei confronti dell’autorità dell’ONU, e la riluttanza degli Stati Uniti ad accettare ogni interferenza dell’ONU nelle priorità della loro politica estera, come è avvenuto in Iraq, entrambi i paesi siano stati costretti a rivolgersi all’ONU quando la guerra di Israele contro il Libano si è impennata di fronte alla resistenza particolarmente forte degli Hezbollah.

Nello stesso tempo bisogna ammettere che questo non è certamente il momento di celebrare l’ONU per la sua capacità di adempiere al suo ruolo programmatico di organizzazione intesa a prevenire le guerre e ad assicurare la difesa di stati vittime di un’aggressione. Può darsi che questa sia un’occasione per fare un bilancio di ciò che ci si può aspettare dall’ONU nella prima fase del secolo ventunesimo, concludendo che l’Organizzazione non può essere considerata né come un fiasco né come un successo, ma come qualcosa di intermedio fra questi due estremi che è complicato e sconcertante insieme.

Premessa

La nuova aggressione israeliana al Libano, i ritardi dell’ONU, il fatto che Israele ed USA hanno dovuto accettare la presenza di una forza internazionale (creando un barlume di premessa per una rivisitazione di quella politica della guerra preventiva e uniltaterale che è la causa principale della instabilità del mondo), e, non ultimo per importanza, il dibattito, talvolta aspro, le contrarietà e/o le perplessità, sulla missione della forza di interposizione dell’ONU, che hanno attraversato i movimenti per la pace, possono, ancor più che dividerci, aiutarci a sviluppare una “strategia” che permetta ai movimenti nonviolenti di incidere maggiormente sulle scelte dei governi e della politica.

I numerosi documenti provenienti da movimenti pacifisti (sia quelli più disponibili verso la missione, così come quelli invece radicali nell’opposizione), in ciascuno dei quali ho colto elementi reali di valutazione, pongono in me tante domande e tanti dubbi, che nascono però dalla necessità di vedere pratiche nonviolente nelle scelte politiche che dobbiamo fare che incidano nelle contraddizioni che viviamo.

Vorrei quindi tentare, senza sottrarmi ad un confronto sul contingente della missione di interposizione militare, di sviluppare un ragionamento che ci aiuti a individuare strade da percorrere per dare gambe e riconoscibilità ad una “cultura altra”.
In questo senso mi introduco in questo dibattito con molti dubbi e poche certezze, non perché non abbia idee in merito, ma perché credo che la complessità delle relazioni internazionali, le difficoltà del condizionare come movimenti nonviolenti l’agenda politica, ci impone di muoverci con estrema cautela.

Il mio punto di vista non è neutrale: nasce nell’ambito del movimento nonviolento, e quindi non solo in quello pacifista, dove esistono anche numerose realtà che non hanno abbracciato la nonviolenza.

In quest’ottica voglio provare a ragionare insieme cercando di liberarmi un pochino da alcuni miei costrutti mentali: da nonviolento e antimilitarista, ad esempio, mi sento tranquillamente di essere contrario alla missione in Libano, però sono anche consapevole di come questo mio approccio in questo contesto possa essere “tremendamente” parziale.

[Dal sito della Libreria delle donne di Milano (www.libreriadelledonne.it) riprendiamo la seguente intervista apparsa sul quotidiano "L'Unità" del 22 settembre 2006, tratta da "La nonviolenza è in cammino", n. 1441 del 7 ottobre 2006]
Clara Sereni, nata a Roma nel 1946, scrittrice tra le maggiori degli ultimi decenni ed intellettuale di forte impegno civile.
Manuela Dviri Vitali Norsa, nata a Padova nel 1949, dopo il matrimonio si è trasferita in Israele dedicandosi all'insegnamento; giornalista e scrittrice, è impegnata nel movimento pacifista israeliano; "Dal giorno della morte in territorio libanese del figlio ventenne nel 1998, Jonathan, durante il servizio di leva, Manuela Dviri è diventata una importante esponente del movimento pacifista israeliano e tra i sostenitori del dialogo e la collaborazione tra la società israeliana e palestinese, e animatrice del progetto "Saving children", gestito dal Centro Peres per la pace, ha salvato più di tremila vite palestinesi bambine.

Pubblicato sul n. 1480 del 15 novembre 1006 di "La nonviolenza è in cammino" e tratto dal quotidiano "Il manifesto" del 12 novembre 2006


Aumenta il numero quotidiano di morti. La deduzione più immediata è pensare a un'impennata dell'estremismo. In Palestina c'è un governo di Hamas che non deflette dalle sue rigidità e che prende spunto dalle incursioni dei tank con la stella di Davide, e relativi orrori o errori, per interrompere le trattative in vista della formazione di un governo di unità nazionale. In Israele il primo ministro Olmert, a corto di idee, coopta nel governo Avigdor Lieberman, un oltranzista che porta in dote un piano per disfarsi degli arabi. Decisi a non cedere al ricatto, i benpensanti richiamano tutti alla "moderazione". La soluzione è il ritorno al processo di pace. Il massimo sarebbe tirar fuori dai cassetti la road map.
Invece della retorica autoreferenziale che mischia deprecazioni e pii desideri - di cui la recente puntata dell'"Infedele" di Lerner su Israele è stata un ottimo esemplare - sono maturi i tempi per prendere atto che alla base della questione Israele-Palestina c'è una realtà che non è considerata dalle pur sensate analisi correnti. Processo di pace potrebbe non essere neanche la definizione più appropriata di una fattispecie che ha come obiettivo quello di sancire l'affermazione di un diritto di tipo nazionale o statale sovvertendo un ordine in cui allo stato attuale esiste un'unica potestà riconosciuta ed esercitata. È necessario tornare con la mente e il cuore alla guerra dei sei giorni, allo straripamento di Israele nella sfera di sovranità, più o meno legittima, di tre dei suoi vicini.
© 2023 Accademia Apuana della Pace.